Gallo: con decreto istruzione una scuola stabile per i nostri figli

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Luigi Gallo (M5S), Presidente della VII Commissione Cultura della Camera, in un post su Facebook: “+ 49mila docenti, + 17mila maestre infanzia e primaria, + 11mila collaboratori scolastici, + 59 ispettori”.

Per parlare seriamente di scuola e riuscire a fare ciò che la scuola, l’università e la ricerca si aspetta abbiamo dovuto aspettare di mandare la Lega a casa che non voleva spendere un euro in più nella scuola facendo solo 16 mesi di propaganda . Ricordiamo tutti lo sguardo, le parole sprezzanti del ministro Bussetti verso il Sud quando ha affermato che la scuola non aveva bisogno di soldi in più ( se avesse letto i dati dell’OCSE e di Eurofin avrebbe dovuto dire esattamente il contrario essendo l’Italia penultima in finanziamenti rispetto agli altri paesi europei).

Il M5s invece poggia la sua rivoluzione culturale sull’istruzione e vuole che scuola, università e ricerca tornino a funzionare terminando il lungo capitolo degli eserciti di precari che hanno reso instabile la nostra scuola e portare nuovi giovani con tanta passione a contatto con i nostri figli. Più personale stabile, riconoscimento dell’esperienza e del merito e aumento della qualità con l’aumento degli ispettori. Ora iniziamo a fare sul serio nel nostro Paese.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione