Galli è categorico: “La scuola non deve riaprire il 7 gennaio”

Stampa

Con la riapertura scuole del 7 gennaio potremmo assistere a un ulteriore aumento dei contagi a livello nazionale, e addirittura a una vera e propria terza ondata. Sono le parole di Massimo Galli, direttore del reparto di Malattie infettive dell’Ospedale Sacco di Milano, riportate dal sito Quifinanza.

Galli ribadisce inoltre che i contagi a scuola avvengono “non per il contesto ambientale, quanto per i movimenti che avvengono a monte e a valle delle ore trascorse in aula (…). È dunque importantissimo riaprire, ma bisogna farlo gestendo bene le problematiche connesse, a iniziare dai trasporti“.

Ad ogni modo “avremo contezza dei casi di contagio avvenuti a Natale proprio attorno al 7 gennaio, quando riapriranno le scuole”, ha spiegato Massimo Galli. Con il rischio che i tempi di incubazione possano portare a maturare una finta sicurezza di essere negativi per tanti giovani, che potrebbero infettare compagni e familiari.

Riapertura scuole 7 gennaio, ecco dove si rientrerà con orari d’ingresso differenziati. Pranzo e tempo per i compiti?

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur