Galli della Loggia, Anief: è il parere di chi non conosce la scuola, avrebbe fatto meglio a tacere

WhatsApp
Telegram

Perché si parla e si giudica senza conoscere? È la regola base che si insegna a scuola: studiare, comprendere e capire prima di esprimersi. A infangare questo modo corretto di procedere è stato il professore Ernesto Galli della Loggia, che nel giro di una settimana ha scritto una sequela di scorrettezze sull’inclusione degli alunni disabili: l’ultima, dal titolo “Il dibattito sulla scuola e la sfida dell’inclusione”, ha prodotto una nuova polemica sugli insegnanti di sostegno classificati come “incompetenti” e gli alunni con disabilità grave che non dovrebbero andare a scuola.

Il sindacato replica a quelle parole: prima di tutto, Anief sostiene che bisogna avere rispetto per docenti e alunni. “Prima di parlare di temi così sensibili e fondamentali per il diritto allo studio di un sistema che il mondo ci invidia – commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – bisognerebbe andare ogni giorno a scuola e assistere al prezioso lavoro di tantissimi docenti, svolto nel 99% dei casi con abnegazione, passione, sacrificio e competenza. Perché, invece di narrare un mondo scolastico che non esiste, il noto editorialista tace, ad esempio, sullo scandalo della metà dei posti in deroga in organico o del falso numero programmato degli atenei non rispettoso delle effettive esigenze? Forse perché lo ignora? Oppure per ragioni finanziarie sarebbe più comodo sopprimere 200 mila posti di insegnamento per quasi 400 mila alunni con disabilità?”.

Secondo il presidente del giovane sindacato rappresentativo, Ernesto Galli della Loggia aveva la possibilità di rimediare agli errori del primo editoriale. Invece ha peggiorato la situazione. “A volte, quando si sbaglia nel trattare un tema delicato bisognerebbe probabilmente avere il buon senso di tacere perché l’ulteriore argomentare, con errori su errori, conferma un dato ora inequivocabile: l’ignoranza su certi argomenti e che certamente non può essere passata per informazione”.

WhatsApp
Telegram

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: cosa studiare e come prepararsi. Webinar Eurosofia di presentazione il 26 luglio ore 17.00