Galletti. Un ponte scuola lavoro per combattere la dispersione e favorire l’orientamento

di Giulia Boffa
ipsef

"La creazione di un ponte tra scuola e lavoro, che possa dare ai nostri giovani la possibilità di costruirsi un futuro migliore, con una particolare attenzione anche ai più bisognosi e privi di mezzi, è una delle priorità che il Miur ha messo al centro del Decreto L’Istruzione Riparte".

Lo ha affermato il Sottosegretario all’Istruzione Gian Luca Galletti partecipando a Lecco al Seminario "Scuola Lavoro Orienta".
 

"La creazione di un ponte tra scuola e lavoro, che possa dare ai nostri giovani la possibilità di costruirsi un futuro migliore, con una particolare attenzione anche ai più bisognosi e privi di mezzi, è una delle priorità che il Miur ha messo al centro del Decreto L’Istruzione Riparte".

Lo ha affermato il Sottosegretario all’Istruzione Gian Luca Galletti partecipando a Lecco al Seminario "Scuola Lavoro Orienta".
 
Ha poi parlato di  lotta alla dispersione scolastica, dell’orientamento degli studenti e dell’alternanza scuola-lavoro.

"In particolare, con il decreto Istruzione, abbiamo destinato 15 milioni alla lotta alla dispersione scolastica – ha spiegato – 6,6 milioni per potenziare l’orientamento degli studenti. Abbiamo previsto interventi specifici per l’orientamento degli studenti con disabilità; misure per far conoscere agli studenti il valore educativo e formativo del lavoro, anche attraverso giornate di formazione in azienda. Abbiamo rafforzato l’alternanza scuola-lavoro, tramite un regolamento sui diritti e i doveri degli studenti dell’ultimo biennio della scuola di secondo grado impegnati nei percorsi di formazione".

 "Ben vengano progetti come quello di ‘Scuola Lavoro Orienta’ che oggi avete presentato – ha poi concluso Galletti – che ha il merito di fornire un valido aiuto ai giovani e alle loro famiglie nel delicato momento di transizione dalla scuola al mondo del lavoro, in un’ottica inclusiva che dedica particolare attenzione alle fasce più deboli, come quella dei giovani disabili".

Versione stampabile
anief anief voglioinsegnare