Galiano: “Prima della scuola l’educazione al rispetto deve partire dalla famiglia. Più che proteggere le nostre figlie, bisogna formare i maschi”

WhatsApp
Telegram

Il docente e scrittore Enrico Galiano, in un’intervista a Quotidiano Nazionale,  pone l’accento sull’importanza dell’educazione nella lotta alla violenza di genere. Conosciuto per la sua webserie “Cose da prof” e libri come “Eppure cadiamo felici”, Galiano sottolinea la necessità di un cambiamento sociale per affrontare il problema della violenza contro le donne.

La recente tragedia di Giulia Cecchettin evidenzia la persistente problematica della violenza di genere. Galiano esprime il suo sgomento e riconosce che, nonostante i progressi, la società continua a essere teatro di tali atti atroci.

Galiano rileva come i giovani ricevano influenze negative da vari settori della società, inclusi media e influencer, che perpetuano una visione della donna come oggetto. Lo scrittore cita un esempio sconvolgente: studenti di prima media che associano il corteggiamento a comportamenti aggressivi e mercantili.

L’autore evidenzia il ruolo fondamentale dell’educazione sessuale nelle scuole. Pur riconoscendo gli sforzi degli istituti scolastici nel promuovere il rispetto, Galiano sottolinea la difficoltà di contrastare l’influenza negativa dei media e degli stereotipi familiari.

Galiano insiste sulla necessità di un cambiamento culturale che coinvolga tutti gli aspetti della società, dai programmi televisivi ai social media, dai testi musicali alle dinamiche familiari. L’insegnante afferma che non si tratta solo di proteggere le ragazze, ma di educare i ragazzi a rispettare e valorizzare le donne oltre gli stereotipi e gli oggettivi.

WhatsApp
Telegram

Prova orale concorso docenti secondaria 1° e 2° grado: come affrontarla in maniera efficace. III edizione, con esempi e UdA