Galiano: “Ogni giorno noi insegnanti rischiamo. Ricordiamolo ogni volta che… lavorate solo diciotto ore a settimana… fate tre mesi di vacanza…”

Stampa

“Ogni giorno rischiamo. No, questo è bene dirlo. Ricordarlo a tutti. Tutte le volte che “lavorate solo diciotto ore a settimana!” Tutte le volte che ‘fate tre mesi di vacanza!'”. E’ il commento di Enrico Galiano, insegnante e scrittore che riflette sulla vicenda della morte dell’alunno di Milano precipitato dalle scale, che ha visto la condanna ad un anno di carcere all’insegnante.

Lo scrittore spiega su Il Libraio: “Una volta in gita un ragazzino di terza per fare ridere i compagni si è messo in piedi sul cornicione della finestra: non era possibile impedirlo, perché per farlo avrei dovuto stargli attaccato tutto il tempo. Un’altra volta, nel pieno centro di Bologna, un altro ragazzino ha attraversato la strada staccandosi dal gruppo, in modo del tutto imprevedibile, solo perché aveva visto dall’altra parte un negozio che lo attirava: un autobus ha inchiodato a cinque metri da lui. È durato un secondo, in entrambi i casi: ma quel secondo avrebbe potuto costare loro la vita, distruggere le loro famiglie, le loro vite, e anche la mia“.

Galiano si rivolge ai genitori: “Siamo i custodi della sicurezza dei vostri figli. E che rischiamo tutto, davvero tutto, ogni giorno. E quanto difficile è a volte, letteralmente, riportarveli sani e salvi all’uscita“.

E conclude: “Il mio pensiero va allora alla famiglia di quel bambino di Milano, di cui non posso nemmeno lontanamente immaginare il dolore. Ma anche a quella maestra, la cui vicenda spero almeno serva a ricordare a tutti che quello che facciamo ogni giorno, da quando ci affidate i vostri figli a quando ve li restituiamo, merita molto, molto più rispetto“.

Alunno precipitato dalle scale della sua scuola: maestra condannata ad un anno di carcere

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur