GaE: sindacati non tutelano gli inseriti, ma propongono ricorsi per diplomati magistrale. Lettera

WhatsApp
Telegram

Sono il marito di un insegnante precaria che ha scelto la via della gae, leggo di molti comitati che vogliono tutelare la loro e la nostra posizione acquisita in anni di precariato.

Sono il marito di un insegnante precaria che ha scelto la via della gae, leggo di molti comitati che vogliono tutelare la loro e la nostra posizione acquisita in anni di precariato.

Quello che salta agli occhi e mi meraviglia è la mancanza di tutela da parte delle varie sigle sindacati, non ci sono voci che difendano o tutelino i diritti degli insegnanti in gae. I sindacati considerano i precari come merce avariata. A loro interessa solo il denaro , cavalcano insieme agli avvocati i ricorsi con i diplomati magistrali perchè c'è da guadagnare.

Il problema più grave è che molti che sono in gae, non straccieranno la tessera , continueranno a pagare questi furfanti che in accordo con lo stato, non combattono leggi che fanno e disfano la vita delle persone. Senza avere un minimo di ritegno nei vostri confronti.

Oltretutto scioperi fatti all'italiana di 1 giorno che non servono a niente ma solo aiutare le casse dello stato , invece di scioperare ad oltranza come viene fatto da altre parti, dove oltretutto i sindacati con i soldi che prendono dalle tessere pagano le giornate di sciopero.

La domanda che mi pongo io come marito di un insegnante e che si dovrebbero porre tutte le precarie gae è ? siamo rimasti soli ?? La mia risposta, scorgendo anche tutte le new di orizzonte scuola , direi proprio di SI'.

Anche voi come orizzonte scuola che vi qualificate come testata giornalistica , avete interpellato i sindacati su questo problema, come avete fatto prima durante le assunzioni ??  E non parlo delle singola lettere che ogni tanto pubblicate dei poveri sfortunati come mia moglie che si sfogano.

Un laureato ha speso come minimo 6000 o 7000 euro per arrivare in fondo a quello è stato richiesto dal governo e probabilmente come mia moglie lavorava e studiava, mi sembra che la disparità di trattamento che si sta affermando sia lampante.

Un ringraziamento debbo farlo ai comitati che si stanno formando e che porteranno avanti per vie legali, i sacrosanti diritti acquisiti di chi ha spesso soldi per avere una istruzione adeguata alla richiesta di legge.

Sicuramente i puristi dell'italiano avranno da che ridicolizzare la mia lettera, ma non conta la forma ma il contenuto ideologico.
Cordiali saluti

Gabriele Clemente

WhatsApp
Telegram

Eurosofia e Udir presentano l’evento formativo “PNRR, Start-up per dirigenti scolastici – Attuazione delle linee di investimento”. Roma 25 agosto 2022