La GAE Infanzia discriminata e beffata chiede giustizia

WhatsApp
Telegram

Questa lettera aperta è scritta  per dar voce alle migliaia di persone, inserite ancora nelle graduatorie ad esaurimento di tutt’Italia, che stanno subendo ingiustizie e vessazioni insopportabili, in particolare i docenti della GAE INFANZIA, che oltre ad aver  subito la discriminazione dal piano straordinario della buona scuola, senza che un solo sindacato è intervenuto per tutelarli, sta subendo un ulteriore  tradimento, dai sindacati stessi:

Questa lettera aperta è scritta  per dar voce alle migliaia di persone, inserite ancora nelle graduatorie ad esaurimento di tutt’Italia, che stanno subendo ingiustizie e vessazioni insopportabili, in particolare i docenti della GAE INFANZIA, che oltre ad aver  subito la discriminazione dal piano straordinario della buona scuola, senza che un solo sindacato è intervenuto per tutelarli, sta subendo un ulteriore  tradimento, dai sindacati stessi: quello del continuo inserimento nelle proprie graduatorie che dovevano essere blindate, di un esercito di ricorrenti diplomati, provenienti da scuole e asili  comunali, o paritarie, senza i titoli ritenuti ad oggi necessari per accedervi, quali il superamento di un concorso o di un corso abilitante, non ultima la laurea.

Molti docenti presenti in GAE , appartenenti   a zone del sud Italia come  sicilia, campania, ecc  dove le graduatorie sono infinite, hanno sconvolto la propria vita e le proprie famiglie, per trasferirsi al nord, dove le graduatore permettevano di assicurarsi il lavoro ed anche il ruolo,  per il numero contenuto di iscritti, ma per un incomprensibile gioco subdolo e scorretto degli stessi sindacati , che hanno sempre lavorato grazie anche ai tesseramenti di questi  docenti, essi rischiano di non lavorare più, e questo sta portando ad un continuo cestinare di  tessere sindacali  per tanta ingiustizia.

I sindacati alle domande di spiegazione degli iscritti per la mancata tutela,  balbettano, rispondono in modo evasivo, o si negano al telefono. Qualche sindacato ha avuto anche il coraggio di accusarci di promuovere una guerra tra poveri, e che i diplomati hanno sentenze che permettono tali  inserimenti, che hanno lavorato e per questo hanno punteggio, ma la nostra protesta, non è rivolta a coloro  che vengono inseriti in GAE per grazia ricevuta, piuttosto a CHI doveva metterci al riparo da tutto questo, pur consentendo l’ingresso di questi ultimi, e NON passando sulle nostre teste e sulle nostre vite senza pietà, bastava metterli in quarta fascia, che tra l’altro già esistente.

Non ci resta che ricorrere in massa, anche per i danni morali.

Alba Olivieri

Maria Grazia Scalzi

MOVIMENTO PER LO SVUOTAMENTO DELLA GAE INFANZIA

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur