Fusacchia (+Europa): il concorso diplomati magistrali non selettivo è una sanatoria

di Elisabetta Tonni
ipsef

item-thumbnail

Il concorso non selettivo previsto nell’articolo 4 del decreto Dignità è definito una sanatoria dall’onorevole Alessandro Fusacchia del gruppo +Europa di Emma Bonino. 

In un intervento alla Camera nella giorno di approdo del testo in Aula, Fusacchia ha detto: “C’è poi l’articolo 4 del Decreto Dignità, quello che vi è riuscito peggio. Il governo che fa? Dice che bandirà un concorso non selettivo. Attenzione, ripeto: un concorso non selettivo! Ma che diavolo vuol dire? Usiamolo, l’italiano: si chiama sanatoria“.

Secondo Fusacchia, consulente dell’ex ministro Giannini, il concorso straordinario servirà a “dare la cattedra in automatico a tanti 40enni e 50enni che non si aspettavano nemmeno, o comunque non si aspettavano più, di finire ad insegnare; e che nella vita stavano da anni facendo altro. E’ una misura per combattere il precariato? Bene, ma chiamiamola allora per quello che è. Sapete però qual è il problema? I bambini. Il problema è che migliaia di giovani laureati e laureandi in Scienze della formazione primaria si vedranno ipotecato per anni il loro futuro. Giovani con la passione dell’insegnamento, che hanno scommesso in maniera contro-intuitiva su un mestiere bello ma difficile, che porta solo fatica e nessun riconoscimento di status in un Paese come il nostro, che da anni si stanno allenando e formando per essere “i migliori insegnanti al mondo” e dare una scuola strepitosa ai nostri bambini. Voi state calpestando il loro sogno, e la speranza che la scuola possa tornare ad essere l’ascensore sociale di cui abbiamo tutti bisogno“.

Versione stampabile
anief anief
soloformazione