Furbetti 104, indagini procura Agrigento si estendono in provincia di Trapani

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il 31 ottobre u.s. abbiamo riferito sul secondo filone di indagini, in provincia di Agrigento, relativo ai presunti abusi dei benefici previsti dalla legge n. 104/92.

Questo secondo filone di indagini, scaturito dopo l’inchiesta “la carica delle 104” ha coinvolto 250 soggetti , di cui un centinaio medici facenti parte delle commissioni deputate a riconoscere l’invalidità civile e lo stato di disabilità.

Le accuse, dunque, riguardano sia i medici, che hanno rilasciato le certificazioni, sia i soggetti certificati disabili sia gli assistenti di disabili in situazione di gravità.

Abbiamo parlato dell’argomento in diversi nostri articoli:

Furbetti 104, Digos sequestra documenti

Furbetti 104, sotto inchiesta 250 soggetti. Un centinaio medici

Furbetti 104, Confael: responsabilità anche del mondo sindacale. Necessaria nuova disciplina per punire chi ha fruito illecitamente dei benefici di legge

Abuso legge 104 ad Agrigento. Insegnanti in movimento: ad oggi trasferimento annullato solo a 20 docenti e ATA

Il fenomeno non sembra limitarsi al territorio agrigentino e, come apprendiamo da tp24.it, l’inchiesta iniziata ad Agrigento ha portato ad indagare anche su soggetti di Marsala e Mazara del Vallo in provincia di Trapani.

Secondo quanto leggiamo su tp24.it, i soggetti coinvolti complessivamente nelle indagini sarebbero 400 in due diversi filoni di indagini:  252 hanno ricevuto la notifica di proroga delle indagini preliminari; il secondo filone riguarda altri 150 nominativi di insegnati di scuola primaria.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione