Fuori la prova naizonale Invalsi dall’esame di terza media

WhatsApp
Telegram

Comunicato COBAS e CESP Boogna – Introdotta nel 2007 dall’ex ministro Fioroni (L. 176/2007), dal 2009 la cosiddetta “Prova Nazionale” INVALSI funesta l'esame finale del primo ciclo, concorrendo alla valutazione dello stesso (DPR 122/2009).

Comunicato COBAS e CESP Boogna – Introdotta nel 2007 dall’ex ministro Fioroni (L. 176/2007), dal 2009 la cosiddetta “Prova Nazionale” INVALSI funesta l'esame finale del primo ciclo, concorrendo alla valutazione dello stesso (DPR 122/2009).

Perché dire NO?
Come tutti i test INVALSI:

  • E' INUTILE: un test a quiz svilisce la preparazione degli studenti (nonché la professionalità degli insegnanti), demolendone la capacità critica.
  • E' FUORVIANTE: più che “valutare” la qualità del sistema, appiattisce e distorce, per mera ossessione statistica, una realtà complessa ed eterogenea come quella delle scuole italiane.
  • E' DISCRIMINATORIA: nel ridurre tutti a numeri e codici uniformati, cancella i bisogni individuali, lasciando indietro (alunni DSA, BES) o addirittura ignorando (alunni certificati) i più deboli.

Inserirla come prova dell'esame di Stato di terza media la rende ancora più DANNOSA in quanto:

  • E’ UTILIZZATA IN MODO IMPROPRIO: uno strumento pensato (così vogliono farci credere) per la rilevazione esterna degli apprendimenti degli studenti e della qualità del sistema scolastico, viene di fatto usato per determinare il voto finale di un esame.
  • E' FORTEMENTE PENALIZZANTE: l'esito è determinante nella valutazione d'esame, facendo media alla pari delle altre prove e del giudizio di ammissione.
  • E' INVASIVA NELLA DIDATTICA: dai libri di testo ai programmi disciplinari condiziona l'attività di insegnamento, piegata spesso alla logica del quiz nell'ansia da valutazione di docenti, genitori e alunni.
  • E' UN'IMPOSIZIONE DIFFICILMENTE CONTRASTABILE: inserirla nell'esame di Stato obbliga di fatto i docenti alla somministrazione e alla “correzione”, senza possibilità di manifestare un chiaro dissenso attraverso lo strumento dello sciopero.

Per tutto questo, per il bene della scuola, dei nostri alunni e della professionalità dei loro insegnanti, in occasione della somministrazione del 19 giugno 2015, continuiamo a chiedere l'ESCLUSIONE DEFINITIVA della Prova INVALSI anche e soprattutto dall'esame di
terza media.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur