Funzioni strumentali nomina e retribuzione. Se non si attivano, si possono utilizzare quelle dell’anno precedente

di
ipsef

red – A normare la materia è l’articolo 33 del contratto collettivo nazionale. Risorsa fondamentale per l’attuazione dell’autonomia, per la realizzazione e la gestione del piano dell’offerta formativa dell’istituto e per la realizzazione di progetti formativi d’intesa con enti ed istituzioni esterni alla scuola.

red – A normare la materia è l’articolo 33 del contratto collettivo nazionale. Risorsa fondamentale per l’attuazione dell’autonomia, per la realizzazione e la gestione del piano dell’offerta formativa dell’istituto e per la realizzazione di progetti formativi d’intesa con enti ed istituzioni esterni alla scuola.

La loro individuazione

Le funzioni strumentali sono identificate con delibera del collegio dei docenti in coerenza con il piano dell’offerta formativa che, contestualmente, ne definisce criteri di attribuzione, numero e destinatari. Non è previsto nel contratto che i docenti che ricoprono tale compito possano usufruire di esoneri totali dall’insegnamento.

Cosa avviene se non si giunge ad una assegnazione delle funzioni per l’anno in corso? Si possono utilizzare le stesse nell’anno scolastico successivo.

La retribuzione

Per quanto riguarda i compensi, essi sono il frutto di contrattazione d’istituto, sulla base degli stanziamenti del fondo di istituto

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare