Funzioni strumentali 2019/20, quanto spetta ad ogni scuola: quota fissa e aggiuntiva

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Fondo unico per il miglioramento dell’offerta formativa 2019/20: quanto spetta a ciascuna scuola per le funzioni strumentali.

Ipotesi di CCNI 2019/20

Sottoscritta, come riferito, l’Ipotesi di Contratto Collettivo Nazionale Integrativo, tramite la quale si assegnano alle scuole le risorse del Fondo unico per il miglioramento dell’offerta formativa 2019/20.

MOF 2019/20, siglato CCNI. Scheda UIL con ripartizione risorse

Fondo Unico per il Miglioramento dell’Offerta Formativa

Il Fondo Unico per il miglioramento dell’offerta formativa, ricordiamolo, è stato istituito dall’articolo 40 del CCNL 2016/2018. Nel Fondo confluiscono tutte le risorse destinate a:

  • fondo dell’istituzione scolastica (lettera a)
  • attività complementari di educazione fisica (lettera b)
  • funzioni strumentali all’offerta formativa (lettera c)
  • incarichi specifici ATA (lettera d)
  • progetti nelle aree a forte rischio sociale (lettera e)
  • ore eccedenti per le sostituzioni del personale (lettera f)
  • attività di recupero nella scuola secondaria di II grado (comma 5 lettera b)
  • risorse del bonus per la valorizzazione del merito dei docenti (comma 2 lettera a)

Funzioni strumentali

Come leggiamo nella scheda elaborata dalla Uil Scuola, per le funzioni strumentali all’offerta formativa ad ogni scuole spetta:

  1. una quota fissa di 1.414,99 euro;
  2. una quota aggiuntiva per ogni complessità organizzativa di 625,62 euro;
  3. un’ulteriore quota per la dimensione della scuola pari a 36,61 euro per ciascun docente dell’ organico dell’autonomia, inclusi i docenti di sostegno.

Le complessità organizzative comprendono:

  • istituti comprensivi
  • istituti di istruzione secondaria di II grado
  • sezioni carcerarie
  • sezioni ospedaliere
  • CTP
  • corsi serali
  • convitti ed educandati

CCNI Fondo Mof 2019/20

Versione stampabile
anief banner
soloformazione