Friuli Venezia Giulia è zona gialla. Fedriga presenta nuova ordinanza: “Su 1.856 focolai attivi, 52 sono nelle scuole”

Stampa

Il governatore Massimiliano Fedriga ha annunciato in conferenza stampa le nuove limitazioni pensate per contenere le occasioni di assembramento e contagio in Friuli Venezia Giulia.

“Siamo ancora in mezzo alla pandemia”, ha detto Fedriga. “La zona gialla non è un liberi tutti e da questa fascia si può ancora passare velocemente in zona rossa. Si sta un po’ allentando la pressione negli ospedali, in termini di nuovi ricoveri, ma la situazione è ancora molto pericolosa e non possiamo permetterci di abbassare la guardia”.

Poi vengono resi noti alcuni dati: nell’ultima settimana (23-29 novembre) il numero dei casi sintomatici migliora rispetto alla settimana precedente. I casi positivi sono passati da 5.238 a 4.934 nell’arco della settimana. L’Rt attualmente è allo 0,92. 1.856 i focolai attivi nella settimana di riferimento, di cui 824 nuovi. L’origine è in primo luogo familiare – pari a 1.573 focolai – seguita poi dai luoghi di lavoro (100 focolai), case di riposo (65), scuole (52) e ospedali (25).

Per quanto riguarda l’ordinanza, “si conferma l’obbligatorietà al di fuori dell’abitazione dell’uso corretto della mascherina a copertura di naso e bocca,a eccezione dei bambini di età inferiore a sei anni, dei soggetti che stanno svolgendo attività sportiva e dei soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina, nonché per coloro che per interagire con i predetti versino nella stessa incompatibilità”.

ORDINANZA

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur