Fratoianni (LeU): scuole senza carta igienica e laboratori, stipendi bloccati, ma per Bussetti non c’è bisogno di fondi

di redazione
ipsef

item-thumbnail

“Le scuole cadono a pezzi, gli stipendi degli insegnanti e del personale scolastico sono sostanzialmente bloccati da quasi dieci anni, le borse di studio e gli alloggi studenteschi sono insufficienti a coprire chi ne avrebbe diritto, in numerosi istituti manca persino la carta igienica, figuriamoci le attività di laboratorio.

Però tranquilli: la scuola non ha bisogno di altri fondi perché, come insegna la nonna del ministro dell’Istruzione Bussetti, “ci si scalda con la legna che si ha”.

Lo afferma il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni di Liberi e Uguali, replicando alle parole del ministro dell’Istruzione.

“Si proclamano “Governo del cambiamento”, ma poi non fanno altro che copiare le ricette di Tremonti, Monti e Renzi – conclude Fratoianni –  come prima, più di prima taglierò…” Lo rende noto l’ufficio stampa di Leu

Bussetti: no fondi in più, “ci si riscalda con la legna che si ha”. E’ polemica

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione