Frate (Misto): tutelare fasce più deboli per rispondere a istanze di equità dalla scuola

di redazione

item-thumbnail

Dichiarazione dell’onorevole Flora Frate (Gruppo Misto) – Mi auguro che in questa fase particolarmente difficile per il nostro Paese, si eviti categoricamente di creare una nuova polarizzazione tra garantiti e non garantiti.

La politica tutta è chiamata ad avere un grande senso di responsabilità nei confronti delle fasce più deboli e precarie del nostro Paese.

Io sono assolutamente favorevole a sanare la situazione di irregolarità di tutti i lavoratori stranieri, sia di colf e badanti che assistono le nostre persone con disabilità, sia dei lavoratori dei campi. Bisogna assolutamente rispondere alla perdurante condizione di sfruttamento cui sono sottoposti questi lavoratori, con una paga misera, senza adeguate tutele contrattuali e spesso sottoposti a trattamenti in espressa violazione dei più elementari diritti umani.

Se non tuteliamo chi oggi è più vulnerabile, invisibile allo Stato di diritto, moderno schiavo di una società che troppo spesso gira la faccia dall’altra parte, come possiamo rispondere alle innumerevoli istanze di equità e di giustizia sociale provenienti dal mondo della scuola, dai liberi professionisti, dai lavoratori dello spettacolo, dai commercianti?

Che questa regolarizzazione sia il simbolo della rigenerata dignità del lavoro e di tutti i lavoratori. Avanti con le scelte coraggiose, facciamo ripartire il Paese.

 

Versione stampabile
Argomenti:

soloformazione