Frassinetti: “Mettere mano alla piaga del precariato. Docenti di sostegno devono essere tutti in cattedra dal primo giorno”

WhatsApp
Telegram

Paola Frassinetti, sottosegretaria all’Istruzione, fissa gli obiettivi del proprio mandato a Viale Trastevere. Non solo liceo del Made in Italy, ma anche lotta contro il precariato. 

A Il Cittadino spiega: “La scuola deve essere inclusiva, deve garantire corsi di italiano ai bambini stranieri per favorire il loro inserimento e insegnanti di sostegno fin dal primo giorno agli allievi disabili mentre, invece, a ogni settembre assistiamo al balletto dei docenti di sostegno causato dalla carenza di personale specializzato”.

SOS Sostegno: assoluta necessità di docenti

I numeri del Ministero certificano l’assoluta necessità di docenti di sostegno. In media, almeno uno ogni tre insegnanti di sostegno che hanno affiancato uno o più alunni disabili per tutta o una parte dell’anno non sono specializzati: una percentuale che al Nord diventa quasi di un insegnante su due. Rimane da risolvere il problema della copertura immediata di tutte le cattedre: oltre il 20% rimangono vuote almeno fino a metà ottobre, arrivando ad assegnare il supplente annuale con grave ritardo rispetto all’inizio dell’anno scolastico.

TUTTI I DATI DEL MINISTERO

Mettere mano alla piaga del precariato

Frassinetti, invece, in un’altra intervista parla dell’emergenza precari, assicurando un impegno del governo: “Le misure più urgenti sono mettere mano alla piaga del precariato e cercare di aiutare gli studenti più bisognosi. Tutti devono partire dallo stesso livello. Inoltre io ho molta fiducia nei nuovi istituti tecnici superiori istituiti nella scorsa legislazione. Possono essere una grande opportunità per l’occupazione”.

Leggi anche

Cambia 17 docenti di sostegno in 10 anni. Lo studente non andrà più a scuola

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VIII ciclo 2023, diventa docente di sostegno: corso di preparazione, con simulatore per la preselettiva. 100 euro, a richiesta proroga di una settimana