Forza Italia lancia l’hashtag @fioramontidimettiti

di redazione
ipsef

item-thumbnail

I deputati di Forza Italia continuano la mobilitazione sui social per chiedere le dimissioni del ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti, utilizzando l’hashtag #FioramontiDimettiti .

Lo sottolinea una nota di Forza Italia.

Stefano Mugnai, vice presidente dei deputati di Forza Italia, ha twittato: “Per fare il ministro serve responsabilità, al di là del colore politico. I leoni da tastiera starebbero di certo meglio al circo che al governo. #FioramontiDimettiti… dopo inchiesta @ilgiornale non resta altro da fare”.

Per Giorgio Mulè, portavoce dei gruppi azzurri di Camera e Senato. “Il ministro Fioramonti sta alla scuola come Franti, nel ‘Libro cuore’, al rispetto per la madre: è un modello negativo. Gli manca solo il sorriso e poi, come ‘l’infame’, sarà perfettamente uguale alla creatura di De Amicis”.

Twitter anche di Matilde Siracusano: “Vabbè ditelo che avete scherzato! Avete dato il Ministero dell’Istruzione in mano ad un individuo che disprezza le forze dell’ordine, si preoccupa delle tasse sulle merendine e di rimuovere crocifissi! Sembrava impossibile ma quasi rimpiango Toninelli!! #FioramontiDimettiti”.

Laura Ravetto scrive: “Dopo l’inchiesta del @ilgiornale mi chiedo chi ritenga ancora il Ministro Fioramonti idoneo a occuparsi del futuro dei nostri giovani. #fioramontidimettiti”.

Per Carlo Giacometto “La triste parabola di un sedicente “cervello in fuga”: da odiatore seriale di avversari politici a sanzionatore compulsivo di scelte altrui. Abbiamo un problema, alla (sua) Istruzione. #FioramontiDimettiti”.

Annagrazia Calabria sottolinea: “E’ inaccettabile che, come riportato da @ilgiornale, dopo le battaglie trasversali condotte in Parlamento contro violenza e abusi sul web, ci sia al governo chi sfrutta la rete come un ring. #FioramontiDimettiti”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione