“Forse non era il caso di dire agli studenti, 3 mesi prima, che sarebbero stati tutti promossi”

Stampa

Oggi sindacati in audizione in VII Commissione cultura prima dell’avvio dei lavori per convertire in legge il Decreto scuola che contiene diverse misure per il completamento dell’anno scolastico in corso e l’avvio del prossimo.

Tra i sindacati intervenuti la Gilda degli insegnanti che per voce di Gianluigi Dotti  è stato molto critica sulla didattica a distanza, evidenziando come essa debba essere limitata all’emergenza e come, passata questa, debba avere un ruolo mimale.

Dotti è stato critico anche sull’aver annunciato le soluzioni per gli Esami di Stato in largo anticipo e soprattutto utilizzando mezzi stampa più che cercare, da parte dell’amministrazione, un dialogo con i sindacati.

La Gilda ha chiesto una modifica di queste misure e soprattutto quella che vuole studenti da ammettere agli esami e all’anno successivo promossi a prescindere dalle insufficienze.

“Sarebbe stato meglio – ha detto Dotti, non dire 3 mesi prima che tutti sarebbero stati promossi, bisognerebbe modificare la norma.”

Stampa

Eurosofia: 5 nuovi preziosi webinar formativi gratuiti per i concorsi scuola e sul nuovo Pei. Non perderteli. Registrati ora