Fornitura di libri di testo in comodato gratuito agli alunni: esempio di regolamento

Stampa

Il regolamento per la fornitura di libri di testo in comodato gratuito agli alunni si può definire, approvare e applicare in tutte quelle realtà nelle quali è necessario regolamentare tale servizio, ad esempio nelle scuole che hanno deciso di acquistare con il finanziamento “ PON Kit didattici” libri di testo e vocabolari da concedere in comodato d’uso, o nelle scuole le cui regioni hanno deliberato la fornitura di libri di testo (sempre in comodato gratuito) a studenti iscritti e frequentanti le scuole dell’obbligo non garantite dalle cedole librarie (di fatto, la Primaria).

Naturalmente l’accesso sarà garantito ai genitori che ne facciano richiesta, in quanto appartenenti a famiglie che presentino un valore I.S.E.E. (Indicatore Situazione Economica Equivalente) che si andrà a definire, calcolato con riferimento ai redditi dell’anno precedente.
Gli alunni in base al reddito suddetto saranno collocati in graduatoria fino alla concorrenza della compatibilità finanziaria.

Normativa

  • Legge 17.12.2006 n. 269, art. 1 comma 628;
  • Comunicazioni del M.I.U.R. n. 2491 e n. 2471, datate 5 dicembre 2007;
  • Nota MIUR prot. n. 13053 del 14.06.2019.

Utilizzo dei fondi
Sono oggetto di comodato d’uso i libri di testo adottati, nonché i dizionari, manuali, atlanti per gli studenti destinatari del comodato.
Gli eventuali contributi concessi agli istituti sono impiegati per l’acquisto dei beni da fornitori terzi, da case editrici, librerie. L’ordine di acquisto sarà inviato al miglior offerente, in ragione dell’effettiva disponibilità finanziaria. A parità di offerta sarà scelto il fornitore che offrirà gratuitamente materiali aggiuntivi all’Istituto, quali stampe, materiale didattico, cancelleria.

Testi didattici
La scuola procederà all’acquisto dei testi didattici obbligatori compresi negli elenchi approvati dal Collegio Docenti e affissi all’Albo/pubblicati nel sito della Scuola, in base al Regolamento che ciascun istituto si doterà. L’effettività della delibera del Consiglio di Istituto è subordinata alla compatibilità finanziaria.

Modalità di esecuzione del comodato
Le famiglie saranno opportunamente informate attraverso circolare interna.
Il comodatario si impegnerà per iscritto a custodire i testi con diligenza, senza prestarli ad altri o deteriorarli in alcun modo, fatto salvo il solo effetto dell’uso. Perciò non sono ammessi sottolineature, abrasioni, cancellature, annotazioni o qualsiasi altro intervento atto a danneggiare l’integrità del libro.
Al comodatario verrà concessa la facoltà di trattenere i manuali scolastici fino al termine del periodo d’uso.
I libri saranno consegnati da parte dell’Istituto agli studenti all’inizio dell’anno scolastico.
Sarà predisposta una scheda per ogni allievo in cui verranno annotati i testi dati in comodato, contraddistinti da un codice, le date di consegna e di restituzione, con le relative firme degli studenti, unita alla dichiarazione di assunzione di responsabilità relativa alla corretta conservazione dei testi sottoscritta dai genitori.
Tutti i testi saranno inseriti in apposito Registro.

Risarcimento danni
Se non avverrà la restituzione o uno o più testi risulteranno danneggiati, l’istituto, ai sensi del C.C. art. 1803 e successivi, addebiterà allo studente e alla sua famiglia (a titolo di risarcimento) una quota pari all’intero prezzo sostenuto dall’Istituto al momento dell’acquisto per il primo anno di vita dei libri, al 50% per gli anni successivi.
Nel caso in cui non vengano rispettati gli obblighi di pagamento, che verrà fissato nel regolamento, lo studente verrà escluso dal servizio di comodato per gli anni successivi e si procederà all’applicazione delle disposizioni di legge a tutela del patrimonio degli Enti pubblici.
In caso avverranno gravi danneggiamenti ai beni o violazioni alle clausole concessorie, non sarà concesso allo studente godere di ulteriori agevolazioni per reddito offerte dalla scuola.

Termini di restituzione
L’utenza sarà informata tramite circolare interna di istituto sulle scadenze fissate per la restituzione e comunque, è consigliabile, non oltre il 30 giugno.
Gli studenti delle classi intermedie con sospensione di giudizio potranno trattenere i testi fino alle verifiche finali. Detto termine di restituzione è perentorio.
Gli allievi non promossi dovranno restituire tutti i testi entro il 30 giugno.
È prevista la restituzione immediata per gli alunni che si trasferiscono in corso d’anno sia in altra scuola o in altra sezione o, in questo caso, solo per i testi non adottati in quella sezione.
Per gli alunni che si trasferiscono in altra scuola il rilascio del nulla osta è condizionato alla consegna dei beni ricevuti in comodato.

Commissione Comodato
Il servizio di comodato sarà gestito da una apposita commissione nominata dal Dirigente scolastico e della quale potrebbero far parte:

  • delegato del D.S. con compito di presidenza e coordinamento (designato dal D.S.);
  • Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi;
  • un docente designato dal C. I.;
  • un rappresentante della componente genitori (designati dal C.I.):
  • un rappresentante della componente studenti (designato dal C.I.):
  • un assistente Amministrativo (designato dal Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi).

Competenze della commissione
Tra le competenze della commissione, comunque sia composta e definita, quella di coordinare le procedure per l’erogazione del comodato attraverso la compilazione della graduatoria degli alunni aventi diritto; di valutare la non corretta conservazione dei testi per l’applicazione della penale. In Segreteria sarà attivato un Gruppo di riferimento, coordinato dal DSGA con la collaborazione del personale ATA, con i compiti di distribuzione dei testi e ritiro dei testi entro i termini previsti e di verifica dello stato di conservazione dei testi.

Destinazione risorse
Le risorse economiche derivanti da risarcimento per danneggiamento verranno utilizzate per l’acquisto di libri da destinare al servizio di comodato.

Il Regolamento

Uno tra i Regolamenti  meglio strutturati quello dell’I.I.S. “Elena Principessa di Napoli”, un istituto che tiene insieme il Liceo Linguistico, il Liceo delle Scienze Umane, il Liceo Economico Sociale, il Liceo Musicale e il Liceo Artistico di Rieti diretto dal dirigente scolastico Prof.ssa Paola Giagnoli. Un regolamento capace di mettere insieme le esigenze diverse: quelle della scuola e quelle degli studenti e dei genitori.

Scarica esempio di regolamento

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur