Formazione Sicilia, Flc Cgil: bene verifiche su selezione personale

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Comunicato Flc Cgil – “Bene ha fatto l’amministrazione regionale ad avviare tempestivamente le dovute verifiche sul rispetto delle norme e dell’accordo parasociale, che stabiliscono una corsia preferenziale per i lavoratori storici della formazione professionale appartenenti all’albo unico”.

Lo dicono Graziamaria Pistorino, segretaria della Flc Cgil Sicilia, Francesca Bellia, segretaria della Cisl Scuola Sicilia e Ninni Panzica della Uil Scuola Sicilia, a margine del vertice che si è tenuto stamani presso l’Assessorato regionale.

“È evidente che ci sono delle anomalie – aggiungono – se si considera che su 1.352 formatori selezionati solo 507 appartengono all’albo, mentre ben 845 sono stati selezionati al di fuori di questo elenco. Lo stesso bisogna fare per la selezione degli altri profili professionali attualmente in corso”.

“Bisogna quindi accendere i riflettori sui bandi pubblicati dagli enti – continuano – sui criteri adoperati e sui vari passaggi delle procedure di selezione”.

“L’emendamento approvato nell’ultima finanziaria regionale e l’accordo parasociale siglato dalle organizzazioni sindacali e da quelle datoriali – concludono Pistorino, Bellia e Panzica – parlano chiaro. Non ci sono vuoti normativi o chiavi interpretative che possano eludere il sacrosanto diritto dei lavoratori storici di ritornare a lavorare in questo settore”.

Versione stampabile
anief
soloformazione