Formazione obbligatoria, sindacati chiedono incontro al Miur. Note ministeriali comprimono autonomia scuole

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Le organizzazioni sindacali hanno chiesto un incontro urgente al Miur al fine di affrontare alcune criticità legate alla formazione obbligatoria dei docenti di ruolo. 

Le criticità, come riferisce la Flc Cgil, nascono da due note minitseriali:

  1. nota n. 47777 dell’8 novembre 2017;
  2. nota n. 49780 del 21 novembre 2017.

La prima riguarda la formazione obbligatoria dei docenti di ruolo e le risorse destinate alla medesima, compresa la formazione dei neoassunti e sui temi dell’inclusione.

Formazione docenti ruolo, neoassunti e inclusione: temi da trattare e ripartizione risorse a livello regionale. Nota Miur

La seconda nota riguarda la formazione dei docenti di matematica e tecnologia della scuola secondaria di I grado.

Piano formazione didattica innovativa docenti matematica e tecnologia, attività al via l’8 gennaio. Le risorse per ciascuna Regione

Secondo i sindacati, le indicazioni ministeriali, contenute nelle due note, rappresentano una sorta di ingerenza a discapito dell’autonomia delle istituzioni scolastiche.

Questo quanto scritto dalla Flc Cgil:

In entrambe le note ministeriali la FLC CGIL ravvisa importanti criticità, che vanno dall’anticipazione di contenuti contrattuali per via unilaterale, alla compressione degli spazi di autogoverno delle scuole.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare