Formazione obbligatoria docenti sul sostegno, Snals: non c’è posto per iniziative che allungano tempo lavoro

Stampa

Il Ministero dell’Istruzione, lo scorso 6 settembre, ha emanato la Nota 27622 della Direzione Generale del Personale e della Direzione Generale per lo Studente, con le indicazioni per lo svolgimento delle attività formative obbligatorie rivolte ai docenti non specializzati impegnati nelle classi con studenti con disabilità.

La nota è stata emanata nell’assoluto disprezzo delle norme contrattuali, senza informazione né confronto con le organizzazioni sindacali.

Nessuna limitazione dei diritti sanciti dal contratto può essere introdotta per via amministrativa, è pertanto urgente un chiarimento sulla procedura seguita e sul carattere obbligatorio delle attività.

Gli obblighi hanno l’unico riferimento nel contratto, che prevede un massimo di 80 ore per attività funzionali all’insegnamento. Oltre tale limite per lo SNALS-Confsal non può trovare posto alcuna iniziativa che comporti un allungamento del tempo di lavoro del personale della scuola.

Stampa

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione