Formazione e riconversione dei docenti in esubero: ANIEF dice no all’improvvisazione

di Lalla
ipsef

ANIEF – Nel valutare il recente decreto sul reclutamento di tutor per la riconversione dei docenti di ruolo soprannumerari al sostegno, l’ANIEF s’interroga sulla ragione per la quale il MIUR pensi a riqualificare questi docenti con un processo di formazione approssimativo ed improvvisato quando è stato già approntato, attraverso il decreto sulla formazione docenti (DM 249 del 2010), un percorso di formazione altamente professionalizzante al sostegno.

ANIEF – Nel valutare il recente decreto sul reclutamento di tutor per la riconversione dei docenti di ruolo soprannumerari al sostegno, l’ANIEF s’interroga sulla ragione per la quale il MIUR pensi a riqualificare questi docenti con un processo di formazione approssimativo ed improvvisato quando è stato già approntato, attraverso il decreto sulla formazione docenti (DM 249 del 2010), un percorso di formazione altamente professionalizzante al sostegno.

Ritenendo molto grave una formazione parziale per gli insegnanti di sostegno, come sottolineato dalle tante critiche al provvedimento – tra cui quelle mosse dal vicepresidente del FISH Salvatore Nocera – l’ANIEF, a maggior tutela degli allievi disabili, chiede che la riqualificazione dei docenti soprannumerari avvenga attraverso i corsi di formazione per il sostegno previsti dal DM 249 del 2010 e che i fondi previsti alla loro riqualificazione vadano a coprire le tasse dei corsi in questione.

Nonostante il decreto equipari nei diritti docenti a tempo determinato e a tempo indeterminato, (battaglia che l’Anief ha da sempre sostenuto) ammettendo alla selezione anche tutor precari con tre anni di esperienza nel ruolo di docente per le attività di sostegno, appare tuttavia beffardo ed inaccettabile che si chieda a questi colleghi di preparare altri docenti che li andranno a sostituire.

Ci si chiede piuttosto perché non si provveda ad emanare il decreto per individuare i docenti tutor per il corso previsto dal DM 249/2010, in modo da superare anche la strana esclusione dal bando di quei docenti che, seppur in possesso di una laurea V.O. (o di secondo livello), non insegnano nella scuola secondaria.

Versione stampabile
anief
soloformazione