Formazione docenti: obbligatoria, decisa in base all’autovalutazione. 40mln + 500 euro ad insegnante

di redazione
ipsef

Il testo del DDL pubblicato dalla nostra redazione il 13 marzo, conferma l'obbligatorietà della formazione dei docenti.

Il testo del DDL pubblicato dalla nostra redazione il 13 marzo, conferma l'obbligatorietà della formazione dei docenti.

Secondo l'articolo 11 del DDL di riforma, l'aggiornamento dei docenti è obbligatoria, permanente e strutturale. Le attività di formazione dovranno essere pianificate alle stesse scuole, in coerenza con il Piano di miglioramento delle istituzioni scolastiche, legato al processo di autovalutazione che è stato attivato da quest'anno.

Infatti, le scuole, dopo aver compilato il RAV, dovranno pianificare un "Piano di miglioramento" per rientrare nelle eventuali carenze riscontrate.

Al "Piano di miglioramento" bisognerà legare la formazione dei docenti. Per questo scopo sono stati stanziati 40 milioni di euro annui.

A questa cifra si aggiungono 500 euro a docente da utilizzare per l'aggiornamento e la formazione (acquisto di libri, testi di natura didattico-scientifica, pubblicazioni e riviste specializzate, l'acquisto di hardware e software, iscrizioni a corsi per attività di aggiornamento e qualificazione delle competenze professionali, rappresentazioni teatrali, cinematografiche, ingresso a musei, mostre, concerti, nonché iniziative coerenti con le attività dell'offerta formativa della scuola.)

Sarà un decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, di concerto con il MIUR e il MEF ad indicare i criteri e le modalità di assegnazione e utilizzo della carta.

Tutto sulla Buona scuola

Versione stampabile
anief
soloformazione