Formazione docenti, Nigris: “24 Cfu era norma transitoria. Prevedere un percorso di almeno un anno come il Tfa o la Sissis” [VIDEO]

Stampa

“I 24 crediti sono una norma transitoria che era stata pensata quando era in discussione il FIT. Come norma transitoria doveva essere propedeutica ad una vera e propria formazione. Nel 2017 Bussetti elimina la vera e propria formazione e restano solo i 24 Cfu e dunque non vengono trasformati in norma definitiva”.

Lo ha detto Elisabetta Nigris, docente dell’Università di Milano Bicocca, intervenuta al dibattito online di OS Tv dedicata alla Giornata mondiale dell’insegnante.

“Nella norma transitoria – spiega Nigris – si prevedeva la validazione degli esami più disparati. Alla fine, i 24 Cfu, nella maggior parte dei casi, sono diventati 12, dato che molti hanno convalidato esami svolti durante il percorso universitario”.

La docente prosegue: “E siccome i 24 CFU non erano previsti solo tramite università statali ma anche private e telematiche, non sappiamo con certezza cosa abbiano fatto queste università“.

Pertanto, “andrebbe ripensata una formazione strutturata di almeno 60 crediti di almeno un anno. Non c’è bisogno di pensare a cose strane. Deve essere strutturato in modo che sia uguale per tutti, come il Tfa e la SISSIS. Qualsiasi modello va bene, basta che si ricominci a fare una formazione fra università e scuola“, conclude la docente universitaria.

RIVEDI LA DIRETTA

Stampa

Concorsi ordinari docenti entro il 2021, anche DSGA. Preparati con CFIScuola!