Formazione docenti, gestione amministrativo-contabile delle attività: compiti della scuola polo

WhatsApp
Telegram

La formazione in servizio del personale docente – ormai obbligatoria, permanente e strutturale – è gestita a livello nazionale dal Miur, a livello territoriale dagli UUSSRR, dalle Reti di Ambito e dalle Scuole.

I soggetti sopra citati svolgono ciascuno un determinato compito che deve armonizzarsi con l’operato degli altri. Così il Miur ha adottato il Piano nazionale per la formazione, stabilendo le priorità nazionali, gli UUSSRR hanno costituito degli Staff Regionali di supporto, le Reti di Ambito elaborano il Piano di formazione di ambito e, infine, le scuole elaborano i Piani di Formazione di Istituto.

All’interno delle Reti di Ambito sono state individuate delle scuole polo, che hanno i seguenti compiti:

  • gestire progetti e iniziative didattiche;
  • curare la gestione amministrativo-contabile delle attività formative (bandi e avvisi, contratti, convenzioni, rendicontazione ecc.).

Le scuolo-polo, dunque, oltre, ad occuparsi del Piano di Formazione di Ambito, devono  occuparsi della gestione delle attività amministrativa, organizzativa e contabile.

Quanto alla rendicontazione, la scuola-polo:

  • provvede a compilare e far vistare dai revisori dei conti la scheda di rendicontazione delle spese;
  • invia all’USR la scheda di rendicontazione;
  • inoltra all’USR la richiesta di saldo e la relazione del direttore del corso.

Ricordiamo che per la rendicontazione le scuole polo devono seguire le indicazioni  fornite dal MIUR nella nota AOODGPER n. 1522 del 13/01/2017.

Nel Documento per lo sviluppo del Piano di formazione si sottolinea che è preferibile progettare le attività all’interno dell’Ambito al fine di consentire, attraverso la compilazione di un’unica scheda di rendicontazione, da sottoporre al visto del revisore, una rapida rilevazione del saldo da erogare.

Di seguito i documenti da inviare in formato digitale per l’erogazione del saldo.

Scheda rendicontazione

La scheda di rendicontazione deve essere compilata con tutti gli elementi riguardanti le attività di formazione, firmata dal Dirigente Scolastico e vistata/approvata dal revisore dei conti. Dalla scheda di rendicontazione, e sulla base delle spese effettuate e gli impegni presi per le attività di formazione realizzate, risulterà il saldo da erogare.

Relazione finale Direttore del Corso

La relazione finale del Direttore del corso attesterà il buon andamento delle attività formative, il loro regolare svolgimento e la positiva conclusione delle medesime.
Nel caso in cui nell’ambito territoriale si siano attivati corsi promossi da reti di scopo o singole scuole, la scuola polo capo-fila della formazione riceverà da ciascun direttore del corso la relazione finale circa l’effettiva realizzazione delle attività e il raggiungimento degli obiettivi previsti dal progetto. Non è necessario inserire dati contabili nella relazione poiché questi sono presenti nella scheda di rendicontazione. La relazione finale è prevista dalla C.M 367/91, tuttora vigente.

Richiesta di pagamento del saldo

Il saldo richiesto risulterà dalla scheda di rendicontazione approvata dei revisori dei conti.

Nel caso la scuola-polo abbia affidato ad una scuola dell’ambito l’organizzazione di particolari iniziative senza trasferimento di fondi, quindi mantenendo la gestione amministrativo-contabile, sarà la medesima scuola-polo a compilare la scheda di rendicontazione per il necessario visto del revisore dei conti ed inviare all’USR la documentazione suddetta.

Nel caso la scuola-polo abbia affidato ad una scuola dell’ambito l’organizzazione di particolari iniziative formative con trasferimento di fondi, per cui sarà la scuola affidataria a gestire contabilmente l’attività, quest’ultima invierà alla prima (alla scuola-polo) la scheda di rendicontazione delle spese vistata dal revisore dei conti, la relazione finale didattica e organizzativa del direttore del corso e la richiesta di saldo.

Successivamente la scuola polo  invierà all’USR una relazione contenente le attività gestite direttamente e quelle realizzate con fondi assegnati ad altra scuola. Inoltre dovrà essere allegata la richiesta del saldo complessivo (specificando le attività gestite direttamente e quelle realizzate da altra scuola) e una dichiarazione nella quale si attesti la conservazione, agli atti della scuola, di tutta la documentazione. Insieme alla relazione andranno inviati i rendiconti delle spese sostenute, vistati dai revisori.

Documento Miur per lo sviluppo del Piano di formazione docenti 2016-2019

Piano Nazionale Formazione Docenti 2016-19

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VII ciclo, ecco il bando. Corso di preparazione: proroga prezzo scontato 120 euro al 31 maggio