Formazione dirigenti scolastici, i gruppi tematici: formazione, composizione, attività e temi

di Nino Sabella
ipsef

item-thumbnail

Il Miur, con la nota n. 40586  del 22/12/2016 e il il Decreto Dipartimentale n. 1441 del 22/12/2016, ha dato avvio alle operazioni relative alla formazione dei dirigenti scolastici a.s. 2016/17.

Piano formazione dirigenti: modello formativo, erogatori formazione, risorse per regione. Nota e decreto Miur

Nota e decreto, oltre a ripartire le risorse per ambito regionale, delineano il modello formativo e le attività di formazione per i dirigenti scolastici in servizio e per i neo assunti.

La formazione dei dirigenti mira a far conseguire agli stessi quelle competenze professionali necessarie all’attuazione delle innovazioni introdotte dalla legge 107, argomento questo ben illustrato dalla prof.ssa G. Onnis nell’articolo “Piano formazione dirigenti scolastici: quali competenze? Quale il legame con la valutazione?“.

Le attività formative, coordinate e gestite a livello territoriale dagli UU.SS.RR., sono organizzate attraverso la formazione di gruppi tematici che operano a livello provinciale.

Formazione dei gruppi tematici

A livello regionale viene predisposto un catalogo di contenuti tematici, tra i quali ciascun dirigente scolastico ne sceglie due di maggiore interesse da approfondire con il medesimo gruppo, cioè con tutti i dirigenti che hanno scelto gli stessi contenuti tematici.

L’iscrizione ad uno dei gruppi scelti avviene livello regionale, anche tramite strumenti telematici, in modo da assicurare la tempestività della ricezione delle domande e della loro gestione, contemperando le scelte dei partecipanti, la loro vicinorietà e l’equa presenza nei territori.

I gruppi, non appena formati, sono convocati per la definizione dei due nuclei tematici da approfondire, per la definizione del calendario delle attività e delle modalità di lavoro e per la produzione di materiali, tecnologie, chiamata di esperti, ecc.

Composizione dei gruppi

Ciascun gruppo può essere costituito in media da 25 dirigenti, opera (come suddetto) a livello provinciale e dispone in media di un budget di circa 3500,00 euro per la attività di formazione.

Il gruppo è coordinato da un dirigente scelto dai membri del gruppo medesimo; sempre all’interno del gruppo va individuata una seconda figura con il compito di supportare i colleghi, relativamente alla dimensione informatico-digitale, nel lavoro collabarativo. A tal fine, saranno predisposte apposite piattaforme a livello regionale.

Il dirigente può aderire, a seconda del tema scelto, ad un gruppo tematico appartenente ad un ambito territoriale diverso dal proprio.

Attività dei gruppi

L’attività formativa dei gruppi si concretizza attraverso le seguenti azioni:

1. definizione di compiti di ricerca e studio;

2. messa in comune di esperienze attinenti il tema affrontato;

3. acquisizione di ulteriori competenze e risorse tecnico-scientifico-giuridiche;

4. produzione di materiali, dispositivi amministrativi, modelli operativi da parte degli stessi partecipanti;

5. validazione degli esiti del lavoro e la loro diffusione alla più ampia comunità professionale dei dirigenti.

I gruppi devono svolgere due unità formative, realizzate nei due semestri del 2017, in base alla programmazione del lavoro definita a livello regionale.

Le due unità formative comprendono sia attività in presenza (circa 25 ore, corrispondenti a 6-8 incontri) sia attività di studio, ricerca e produzione on line (riconoscimento forfettario di 25 ore).

Il lavoro dei gruppi è supportato dallo staff regionale.

Temi

I gruppi, come suddetto, si formano sulla base dei temi di studio scelti da ciascun dirigente.

La nota e i decreto indicano i temi di possibile approfondimento:

Tutto sulla formazione dei dirigenti scolastici

Versione stampabile
anief
soloformazione