Formazione 0-6. APEF deve diventare la prima fase obbligatoria della scuola del primo ciclo

APEF ritiene che la scuola dell'infanzia debba essere riconosciuta come primo livello del sistema di istruzione.

APEF ritiene che la scuola dell'infanzia debba essere riconosciuta come primo livello del sistema di istruzione.

Anche la Commissione Europea ha ribadito l'importanza di garantire l'accesso universale ai servizi di educazione e cura per la prima infanzia che così potranno essere strumenti efficaci a combattere le disuguaglianze sociali.

Per questo motivo molti Paesi europei rivolgono una particolare attenzione alle politiche per l'infanzia ritenendolo uno strumento importante del welfare locale.

L'Italia ha già compiuto un grosso passo avanti prevedendo da una decina d'anni la formazione universitaria per gli insegnanti della scuola primaria. Tuttavia la formazione in servizio oggi è ancora troppo episodica, poco mirata e soprattutto ancorata ad un approccio metodologico poco innovativo.

Per colmare questa lacuna APEF ha costruito un corso di formazione per gli insegnanti della scuola dell'infanzia, ponendovi alla base come quadro teorico di riferimento i programmi educativi cognitivi come il PAS BASIC, la GESTIONE MENTALE e i programmi di educazione cognitiva precoce come il BRIGHT START.

Il corso prevede un percorso integrativo agli ordinari contenuti didattici, che consenta ai bambini della scuola dell'infanzia di apprendere le conoscenze ma soprattutto come utilizzare le stesse nella loro vita quotidiana, cioè ad essere competenti. Il contenuto fortemente innovativo di questo corso è in linea con quanto previsto dalla L. 107/2015 cioè di “realizzare una scuola aperta, quale laboratorio permanente di ricerca, sperimentazione e innovazione didattica”.

Preparazione concorsi, TFA e punteggio in graduatoria con CFIScuola!