Fondo per i familiari di studenti vittime di infortuni, requisiti e modalità di accesso con fac-simile di domanda. DECRETO in Gazzetta Ufficiale

WhatsApp
Telegram

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto interministeriale del 25 settembre con cui si definiscono le modalità per l’accesso al Fondo per i familiari degli studenti vittime di infortuni, istituito dal Decreto Lavoro.

Il provvedimento è firmato dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Marina Calderone, di concerto con i Ministri dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara e dell’Università e della Ricerca, Annamaria Bernini.

Composto di 7 articoli, il decreto chiarisce requisiti e criteri di determinazione delle prestazioni e le modalità per accedere al Fondo, strumento istituito per garantire un sostegno economico fino a 200mila euro (esentasse) ai familiari degli studenti delle scuole o istituti di istruzione di ogni ordine e grado, anche privati, comprese le strutture formative per i percorsi di istruzione e formazione professionale e le Università, deceduti a seguito di infortuni occorsi in occasione o durante le attività formative. Le somme erogate sono cumulabili con l’assegno una tantum Inail per gli assicurati.

Il sostegno economico è cumulabile con l’assegno una tantum dell’INAIL. I beneficiari principali sono il coniuge superstite e i figli, seguiti dai genitori, fratelli e sorelle in assenza di questi. In mancanza di tutti, gli aventi diritto sono gli ascendenti di secondo grado. Le quote, in caso di più beneficiari, sono divise in parti uguali.

Per accedere al sostegno, è necessario presentare una istanza entro trenta giorni dall’accertamento dell’infortunio. L’INAIL gestisce la presentazione delle istanze e, attraverso i suoi organi di vigilanza, effettua la procedura di accertamento, trasmettendo una relazione all’INAIL post accertamento. L’INAIL eroga il sostegno economico se l’infortunio mortale è verificatosi durante le attività formative.

L’erogazione del sostegno economico è anticipata dall’INAIL. Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali provvede annualmente al rimborso delle somme anticipate, con rendicontazione da effettuarsi entro il 31 marzo dell’anno successivo all’erogazione.

Il Fondo ha una dotazione di 10 milioni di euro per il 2023 (2 milioni l’anno a partire dal 2024) per poter accogliere le domande di sostegno economico da parte dei familiari di studenti vittime di infortuni occorsi a partire dal 2018. L’istanza in quest’ultimo caso dovrà essere presentata entro 120 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto ministeriale.

DECRETO 25 settembre 2023

Definizione dei requisiti e delle modalità d’accesso al Fondo per i familiari degli studenti vittime di infortuni, nonché quantificazione del sostegno economico erogato. (GU Serie Generale n.247 del 21-10-2023)

FAC-SIMILE

Istanza di accesso al beneficio del fondo per i familiari degli studenti vittime di infortuni durante e/o in occasione delle attività formative e interventi di revisione dei percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento. (ai sensi dell’articolo 17 del decreto-legge 4 maggio 2023, n. 48, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 luglio 2023, n. 85)

 

 

WhatsApp
Telegram

Percorsi abilitanti 30-60 CFU, apertura straordinaria e full immersion nel mese di luglio. Contatta Eurosofia