Fondi esauriti per Bonus Cultura 18APP, Cangiano (FdI): “Accuse ingiuste da opposizione, ecco come stanno le cose”

WhatsApp
Telegram

In mezzo a una tempesta di critiche, il Ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano si trova sotto la lente d’ingrandimento a causa dell’esaurimento dei fondi destinati a finanziare l’App18 per i nati nel 2004.

Un’onda di reazioni è scaturita da diverse forze politiche, con un focus particolare da parte del Partito Democratico e di Matteo Renzi. Tuttavia, emerge una narrazione distorta che necessita di essere rettificata.

Il nodo centrale della questione riguarda la responsabilità dell’esaurimento dei fondi, una responsabilità che viene ingiustamente attribuita all’attuale Governo e al Ministro Sangiuliano. Contrariamente a quanto sostenuto, la chiarezza viene portata da Gimmi Cangiano di Fratelli d’Italia, membro della Commissione Cultura alla Camera, il quale sottolinea che la vera origine del problema risiede nelle azioni del precedente Governo.

Nel dettaglio, l’ex Ministro Franceschini, nel 2022, con l’art.11 del regolamento redatto insieme all’ex Ministro Daniele Franco, aveva delineato l’impossibilità di rifinanziare il fondo in caso di esaurimento. Una previsione che si è concretizzata, lasciando molti giovani senza l’accesso a tale beneficio. Un esempio chiaro di come decisioni passate possano avere un impatto diretto sul presente e sul futuro dei giovani italiani.

Il Governo Meloni sta valutando l’opzione di destinare nuovi benefici ai giovani nati nel 2004, un’iniziativa che punta a correggere gli errori del passato.

WhatsApp
Telegram

La Dirigenza scolastica, inizio anno scolastico: la guida operativa con tutte le novità 2024/25 con circolari e documenti pronti all’uso