Fondazione Uto Ughi e Ministero dell’Istruzione e del Merito: un impegno triennale per la musica nelle scuole

WhatsApp
Telegram

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara ha firmato un importante Protocollo d’Intesa con la Fondazione Uto Ughi per diffondere la conoscenza e l’ascolto della musica classica nelle scuole italiane di ogni ordine e grado. L’obiettivo è quello di valorizzare la musica come elemento fondamentale per la crescita e la formazione dei giovani.

L’importanza della musica per l’inclusione e la cultura

“Abituarsi all’ascolto sin da piccoli significa aprirsi a una dimensione straordinaria dello spirito umano, avvicinarsi a un’arte che non conosce confini e che è in grado, con un linguaggio davvero universale, di abbattere ogni barriera, divenendo importante occasione di inclusione”, ha dichiarato il Ministro Valditara. Inoltre, il Ministro ha sottolineato come questa collaborazione contribuirà a riscoprire l’importanza della musica nella storia e nella cultura dei popoli.

I dettagli del Protocollo d’Intesa

Il Protocollo, che avrà una durata triennale, prevede la promozione di attività e progetti formativi per diffondere la conoscenza delle potenzialità espressive degli strumenti musicali e lo sviluppo di iniziative in cui la musica diventi un’esperienza di ricerca, creatività, aggregazione e inclusione. Il Ministero si impegna a diffondere il Protocollo attraverso gli Uffici scolastici regionali, favorendo l’adesione degli istituti. Un Comitato paritetico, composto da membri del Ministero e della Fondazione Uto Ughi, garantirà il coordinamento e il monitoraggio delle attività previste.

Le parole del maestro Uto Ughi e della Vicepresidente della Fondazione

Il maestro Uto Ughi ha ringraziato il Ministro Valditara per l’interessamento sui temi dell’educazione musicale, sottolineando come la musica sia un dono prezioso a cui tutti devono accedere. “È fondamentale che i giovani abbiano la possibilità di studiare uno strumento e di apprezzare quanto di più bello abbiamo nella vita: la cultura”, ha dichiarato il maestro.

Natascia Chiarlo, Vicepresidente della Fondazione Uto Ughi, ha aggiunto: “Con questo protocollo, vogliamo rendere la musica sempre più presente nel percorso formativo ed educativo delle nuove generazioni. Solo facendo conoscere i grandi capolavori, possiamo arricchire il loro percorso di crescita e, nello stesso tempo, coltivare una nuova generazione di appassionati e sostenitori della musica classica”.

Più arte e musica a scuola: le linee programmatiche del Ministero

Durante una visita all’Istituto di istruzione Superiore Bracaglia di Frosinone, il Ministro Valditara ha ribadito l’importanza di dare più spazio ad arte e musica nei programmi scolastici, a partire dalla scuola primaria. Un gruppo di pedagogisti è stato incaricato di riflettere sulle nuove indicazioni nazionali per attuare questa visione.

WhatsApp
Telegram

“Percorsi abilitanti 30 CFU ai sensi dell’art. 13 del DPCM 04/08/2023”.  Hai tempo solo fino al 27 giugno 2024. Contatta Eurosofia