Floridia: “Dispersione scolastica in decrescita, la scuola è strumento di inclusione. Innalzare obbligo scolastico? Si può fare”

Stampa

A La Nazione interviene la sottosegretaria all’Istruzione, Barbara Floridia. Con la senatrice del M5S si realizza un focus sulla dispersione scolastica. 

“Il dato sulla dispersione è ancora molto alto, ma negli ultimi dieci anni si è ridotto in maniera significativa. Chiaramente la pandemia non ha aiutato in questo senso, ma gli investimenti che abbiamo già messo in campo a partire dal governo Conte 2, e quelli programmati con il Pnrr, saranno decisivi. Solo per l’orientamento e le competenze di base abbiamo previsto uno stanziamento importante pari a un miliardo e mezzo. Vogliamo investire particolarmente nelle aree che soffrono maggiormente la dispersione scolastica, quindi sud e isole, puntando sulla formazione professionale e tecnica. In questo modo riagganciamo la scuola al proprio territorio di riferimento, incentivando l’occupazione e andando incidere fortemente sulla dispersione”, afferma Floridia.

E ancora: “I dati ci dicono che la dispersione scolastica è maggiore tra gli alunni non nati in Italia. Ci conforta però il fatto che si tratti di un dato in costante decrescita, perché la scuola è probabilmente lo strumento di inclusione più importante che abbiamo a disposizione”.

Poi spiega: “La dispersione scolastica è un fenomeno profondamente complesso che merita di essere studiato nei suoi molteplici fattori. Non parlerei di scuole più facili ma di studenti più fragili. Sono loro, gli studenti più fragili, che dobbiamo supportare maggiormente offrendo loro la cassetta degli attrezzi per affrontare adeguatamente la complessità della società. Ricordiamoci che l’obbligo scolastico vigente, fissato a dieci anni, è già superiore a quanto previsto nella nostra Costituzione che ne indica almeno otto. Si può sicuramente aprire un confronto sulla opportunità, eventualmente, di alzarlo, ma credo che sia necessaria la più ampia condivisione su questo punto”.

Stampa

Acquisisci 6 punti con il corso Clil + B2 d’inglese. Contatta Eurosofia per una consulenza personalizzata