FLC CGIL, Referendum Veneto e Lombardia falsamente autonomisti. Istruzione pubblica volano di benessere e sviluppo ovunque

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comunicato FLC CGIL – I referendum indetti per il 22 ottobre 2017 in Lombardia e Veneto si presentano come autonomisti. In realtà essi sono la negazione dell’autonomia e sono scopertamente tesi a creare divisione fra territori, spezzando una volta di più la coesione nazionale.

La richiesta di trattenere per sé il gettito erariale “residuo” prodotto rompe il patto costituzionale tra il centro e le Regioni, quello sociale tra i cittadini e avvia un processo di disgregazione che va respinto.

La Scuola, l’Università, la Ricerca, l’Alta Formazione Artistica e Musicale sono portatrici di valori di solidarietà e coesione e ispirano la loro azione ai principi costituzionali di pari opportunità, in modo che nessun territorio, nessun cittadino debba rimanere indietro. Non solo. Quei referendum  possono spingere pericolosamente a considerare il Mezzogiorno d’Italia e l’intero Mediterraneo non come luoghi dove investire per rilanciare lo sviluppo e il benessere, ma territori da abbandonare in vista di nuove e più potenti migrazioni, specie intellettuali. Sta già accadendo, purtroppo, e i referendum potrebbero accentuarne la portata.

Per questo motivo, CGIL e  FLC CGIL ritengono quei referendum una pericolosa iniziativa. La Repubblica, al contrario, deve garantire in maniera uguale su tutto il territorio nazionale e in ogni angolo del Paese parità di condizioni, riservando anzi maggiori risorse proprio a quelle aree più depresse e meno garantite, perché questo vuol dire la solidarietà costituzionale. A partire dal sistema dell’istruzione pubblica, volano di benessere e sviluppo ovunque.

La cultura ispirata ai principi costituzionali della scuola aperta a tutti e dell’istruzione da garantire ai massimi livelli ad ogni cittadino del nostro Paese, è la cultura propria della FLC CGIL e dei lavoratori della conoscenza, e non può ammettere spinte falsamente autonomistiche destinate a mettere in discussione l’unità del sistema dei diritti, a rompere il vincolo di solidarietà della comunità nazionale, a creare contrapposizione, separazione e isolamento.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione