La FLC CGIL chiede al MAE un incontro urgente di informativa sul contingente da nominare sulle scuole all’estero dopo l’uscita delle graduatorie

di Giulia Boffa
ipsef

FLC CGIL – Ad oggi, 10 dicembre 2013, nonostante siano state pubblicate le graduatorie definitive SCC Lettori e ATA, ancora non arriva nessuna convocazione dal parte del MAE per la dovuta concertazione sul contingente, cioè per discutere criteri e procedure relativi alle nuove nomine.

Ci si chiede cosa aspetti il MAE a convocare le organizzazioni sindacali, mentre trapelano indiscrezioni preoccupanti sul numero di nomine stabilite per decreto e sulla mancanza di criteri condivisi per l’individuazione dei posti da coprire.

FLC CGIL – Ad oggi, 10 dicembre 2013, nonostante siano state pubblicate le graduatorie definitive SCC Lettori e ATA, ancora non arriva nessuna convocazione dal parte del MAE per la dovuta concertazione sul contingente, cioè per discutere criteri e procedure relativi alle nuove nomine.

Ci si chiede cosa aspetti il MAE a convocare le organizzazioni sindacali, mentre trapelano indiscrezioni preoccupanti sul numero di nomine stabilite per decreto e sulla mancanza di criteri condivisi per l’individuazione dei posti da coprire.

Come sempre, sembra prevalere la logica del fatto compiuto: l’amministrazione decide arbitrariamente, senza indicazioni su criteri oggettivi, dati certi e procedure, per poi comunicare alle organizzazioni sindacali le decisioni prese in altre sedi e con logiche spesso discutibili.

Mentre in alcune scuole e istituzioni scolastiche all’estero la situazione diventa sempre più difficile da gestire, e migliaia di docenti e ATA in possesso di tutti i requisiti attendono in standby nelle graduatorie definitive, il MAE aspetta l’arrivo di Babbo Natale per autorizzare qualche nomina, che a questo punto si attiverà a metà dell’anno scolastico.

Davvero non si comprende la logica di svalorizzazione e mancanza di prospettiva strategica che l’amministrazione dimostra nei confronti di questo settore che svolge attivamente un ruolo di conoscenza e diffusione della cultura italiana all’estero.

La FLC CGIL per queste ragioni invierà una lettera congiunta a MAE e MIUR chiedendo di ristabilire corrette relazioni sindacali, a partire dalla convocazione urgente del tavolo di informativa sul contingente.

 

Versione stampabile
anief
soloformazione