Flash mob a scuola sullo Ius soli, è polemica in Sardegna

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Un’attività didattica “sul campo” con un flash mob per completare l’approfondimento sullo Ius soli sta scatenando la polemica politica in Sardegna.

L’iniziativa di sensibilizzazione, promossa dai docenti di una scuola primaria sarda si è svolta in un percorso tra le vie cittadine, concludendosi nella piazza principale della città. Una performance scenica e canora sulle note del brano “Essere umani” del cantante Marco Mengoni con alcuni momenti scanditi nella lingua dei segni (Lis).
Oggi però Forza Italia e Fratelli d’Italia vanno all’attacco ed in particolare Fdi annuncia la presentazione di due interrogazioni alla Camera e in Consiglio regionale.
“No alla propaganda a favore dello Ius soli nelle scuole, peraltro portata avanti con il coinvolgimento di alunni minorenni – denuncia Ugo Cappellacci, coordinatore regionale di Fi – è inaccettabile che si utilizzi un luogo istituzionale e soprattutto che si coinvolgano dei minori in una battaglia politica assolutamente di parte”.
Secco “No all’ingerenza della politica nelle scuole” anche da parte dei vertici di Fdi. “Fratelli d’Italia, trovando veramente sconveniente impegnare dei bambini, di quell’età, in programmi con chiari risvolti politici mentre in Parlamento si discute ancora di un progetto di legge che divide non solo le forze politiche ma correnti culturali e filosofiche”, presenterà due interrogazioni, una con il deputato Bruno Murgia al ministro della Pubblica Istruzione e l’altra con il consigliere regionale Paolo Truzzu rivolta all’assessore regionale.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione