Flash mob 23 aprile: c’era anche il Movimento Nazionale Insegnanti Precari

WhatsApp
Telegram

Il 23 aprile, alle ore 20.30 circa 2 milioni di italiani si sono dati appuntamento in moltissime piazze italiane. Il flash mob più grande d'Italia è stato organizzato per ribadire il ritiro del disumano disegno di legge sulla scuola.

Il 23 aprile, alle ore 20.30 circa 2 milioni di italiani si sono dati appuntamento in moltissime piazze italiane. Il flash mob più grande d'Italia è stato organizzato per ribadire il ritiro del disumano disegno di legge sulla scuola.

Gli insegnanti, le famiglie, i nonni e gli studenti si sono uniti in difesa della scuola pubblica e statale, che è un bene comune da potenziare e non da sfruttare in modo privatistico.

Le proposte inviate al Miur e a Renzi, da parte degli insegnanti sono state disattese dal partito democratico e dal governo.

Le istanze avanzate sono efficienti per tutto il sistema scolastico, in tutela degli alunni, della democrazia, dei diritti umani, professionali e collegiali, nonchè del rinnovo del contratto di lavoro, dell'assunzione di tutti gli insegnanti precari e del potenziamento economico della didattica (laboratori di indirizzo negli istituti tecnici e professionali).

Il Movimento Nazionale Insegnanti Precari era presente al flash mob

Per il M.N.I.P.
Prof. Riziero Agostinelli
Prof.ssa Gabriella Arruzzolo
Prof. Giuseppe Fioravanti
Prof.ssa Cristina Rea
Prof.ssa Franca Asciutto

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VII ciclo. Solo poche settimane per prepararti. Non perderti gli incontri interattivi di Eurosofia