Dopo concorso a cattedra corso di formazione FIT: i nostri articoli

di redazione
ipsef

item-thumbnail

La Fedeli, come riferito, ha firmato il decreto che disciplinerà il prossimo concorso riservato ai docenti abilitati e specializzati su sostegno, previsto dal decreto legislativo n. 59/2017. 

Concorso 2018 abilitati: decreto firmato, ecco i contenuti. Conteranno titoli e prova orale, poi FIT. Sì ai docenti di ruolo

Dopo che il decreto verrà registrato dalla Corte dei Conti, il Ministero emanerà il bando di concorso, aperto anche ai docenti già di ruolo.

Ricordiamo che il concorso consisterà una prova orale non selettiva e nella valutazione dei titoli, dopo i quali gli aspiranti docenti saranno inseriti in una graduatoria regionale di merito ad esaurimento. Da questa, poi, saranno ammessi ad un percorso annuale corrispondente al terzo anno FIT, superato il quale accederanno al ruolo.

La Fedeli, ha comunicato sempre il Miur, ha firmato anche il decreto con i criteri per la verifica in itinere e finale degli standard professionali delle e dei docenti che, dopo aver vinto il concorso saranno ammessi all’anno di formazione iniziale o, nel caso dei bandi per non abilitati e laureati, al cosiddetto FIT.

Nuovo reclutamento, dopo il concorso 3 anni di FIT per insegnanti scuola secondaria. La bozza di decreto

Concorso cattedra 2018, FIT corso formazione: cosa deve fare il docente? Attività, portfolio, colloquio finale

Reclutamento docenti, tirocinio (FIT terzo anno) e verifiche in itinere: 24 di ore osservazione in classe a cura del tutor

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione