Fisco, il governo ha approvato il disegno di legge delega: ecco cosa cambierà

WhatsApp
Telegram

Il Consiglio dei Ministri ha approvato un disegno di legge delega riguardante la riforma del sistema fiscale. Questo provvedimento stabilisce i criteri fondamentali per la revisione delle sanzioni tributarie, sia amministrative che penali.

Tra le novità, la riforma delle sanzioni penali darà particolare enfasi alla situazione di “impossibilità di far fronte al pagamento del tributo non dipendente da fatti imputabili al contribuente”.

La delega fiscale approvata dal Consiglio dei Ministri mira a semplificare e ridurre la pressione fiscale, promuovere investimenti e assunzioni e instaurare un rapporto più collaborativo tra i contribuenti e l’amministrazione finanziaria. Le nuove regole saranno operative entro 24 mesi dall’entrata in vigore della legge delega.

La riforma dell’Irpef mira a garantire l’equità orizzontale, riducendo la pressione fiscale, passando da 4 a 3 aliquote e con l’obiettivo di una flat tax per tutti. Inoltre, sarà razionalizzata e semplificata l’intera struttura dell’Irpef, compresi i redditi agrari, fabbricati, finanziari, da lavoro dipendente, autonomo, d’impresa e diversi. La delega prevede anche la revisione delle tax expenditures e l’equiparazione della no tax area per lavoratori dipendenti e pensionati.

Per quanto riguarda le imprese, è prevista una riduzione dell’aliquota Ires per chi investe e/o assume, oltre alla graduale eliminazione dell’Irap. Con l’istituzione del concordato preventivo biennale e il rafforzamento dell’adempimento collaborativo, le regole per combattere l’evasione fiscale saranno riscritte per diventare preventive e non più repressive.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri