Fioroni: “Conosco bene la passione per la scuola di Draghi. Riprenda il mio “Quaderno Bianco”

WhatsApp
Telegram

L’ex ministro dell’Istruzione, Giuseppe Fioroni, all’Adnkronos, commenta così le ‘indiscrezioni’ sulla scuola emerse nelle consultazioni del Presidente incaricato Mario Draghi.

Fioroni sottolinea la “grande attenzione verso i giovani e la formazione dimostrata da Draghi”, ricorda di aver chiesto un incontro con l’allora Governatore di Bankitalia e, “partendo da uno studio sulla capacità di ricaduta sul Pil di investimenti in istruzione e formazione dei giovani, fatto appunto da Bankitalia”, propose “una collaborazione per realizzare una programmazione che mettesse insieme lo sviluppo demografico, il numero di docenti necessario nell’arco di un decennio, l’aggiornamento professionale dei docenti, la fine della scuola come sistema precarizzante, investimenti strutturali e programmazione”.

“Il professor Draghi – ricorda ancora Fioroni – diede non solo indicazioni importanti, ma mise a disposizione il direttore del Centro Studi Cipollone, oggi vicedirettore di Bankitalia, e con lui, i tecnici del Mes e con la partecipazione della società civile, del mondo sindacale e del mondo imprenditoriale, presentammo il ‘Quaderno Bianco sulla Scuola’. Sono convinto – sottolinea l’ex ministro dell’Istruzione – che il professor Draghi ricorda quel lavoro, che può valere anche oggi ed essere un’utile traccia per l’utilizzo dei fondi del Recovery Fund da utilizzare per la scuola”.

“So bene – evidenzia quindi Fioroni – quanta competenza e passione per la scuola abbia il presidente incaricato che ben saprà indicare ciò  che occorre per la scuola italiana nel suo complesso come comunità
educante e – conclude – quello che le occorre per essere centrale nello sviluppo futuro del Paese”.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur