Fioramonti: vietare cellulari se disturbano. Tecnologia va usata in modo intelligente

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Ospite della trasmissione “Un giorno da pecora”, il Ministro Fioramonti è intervenuto su diversi temi tra cui l’esposizione del crocifisso e della foto del Presidente della Repubblica nelle aule e sull’uso del cellulare in classe.

Fioramonti: no a crocifisso e foto Mattarella in aula

Quanto all’utilizzo del cellulare, il titolare del Miur ha evidenziato che i telefonini sono un elemento problematico per l’attenzione degli studenti; se costituiscono un elemento di disturbo vanno vietati.

Sarà, comunque, la singola scuola, prosegue Fioramonti, a decidere sull’uso dello smartphone e della tecnologia in genere; l’utilizzo va fatto in modo intelligente, per cui, ad esempio, il tablet può essere uno strumento utilissimo nel caso si debba svolgere un’attività di ricerca.

Personalmente, ha affermato il Ministro, mi piacerebbe una scuola in cui si utilizzi la tecnologia dalla mattina alla sera.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione