Fioramonti: presto rinnovo contratto, la scuola resta nazionale

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il ministro Fioramonti torna a parlare dell’autonomia differenziata nella scuola e afferma sicuro che non si farà: “La scuola resterà nazionale”.

In un’intervista a Il Manifesto, il ministro dell’Istruzione ha parlato della regionalizzazione, dopo le recenti affermazioni del ministro per gli affari regionali e le autonomie, Francesco Boccia. “La scuola resterà unica, pubblica e nazionaleafferma Fioramonti – Con il ministro Boccia ci siamo confrontati più volte. Per me la scuola pubblica in tutto il territorio nazionale è un valore. Boccia sta cercando di capire come si possano coniugare l’esigenza di una scuola pubblica nazionale e quella di occupare nelle regioni tutte le cattedre in maniera tempestiva. Il docente comunque resterà un dipendente dello Stato“.

Tra le altre questioni, il ministro è tornato anche sul tema del precariato, in attesa del decreto, ha spiegato: “Si sta ultimando il negoziato con le forze sindacali e a giorni si annuncerà“.

Sul rinnovo del contratto ha promesso che “si è impegnato per portarlo presto a casa” e così anche gli aumenti stipendiali: “La legge di bilancio è il momento nodale per entrambe le questioni” ha concluso Fioramonti.

Versione stampabile
anief banner
soloformazione