Fioramonti, Draghi vuole coprire 10 mila cattedre vacanti. In realtà sono molte di più

Stampa

“Apprendo con piacere l’impegno già espresso dal Presidente Draghi nel riportare la scuola al centro delle politiche sociali”: così Lorenzo Fioramonti ex Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

“Non posso fare a meno di far notare – prosegue Fioramonti – che i numeri che ha menzionato il presidente Draghi sono la cima dell’iceberg perché lui ha parlato di 10 mila cattedre vacanti mentre noi sappiamo che le cattedre sono molte ma molte di più: quando si renderà conto della devastazione negli anni precedenti, forse si metterà le mani nei capelli perché capirà che la situazione è molto più grave di quanto immagina”.

“Per quanto riguarda il prolungamento dell’anno scolastico – continua Fioramonti – io gli consiglierei, prima di realizzarlo o mettere in campo delle misure in questo senso, di consultarsi con chi sarà il suo ministro o la sua ministra dell’Istruzione oltre che consultarsi con il mondo della scuola perché con tutte le difficoltà della didattica a distanza non è che si può considerare il periodo della DAD come completamente perso”.

“Se ci sarà un prolungamento dell’anno scolastico è importante che non venga percepito dalla scuola come un’iniziativa calata dall’alto da parte, magari, anche di figure che di scuola capiscono poco ma che sia qualcosa di condiviso con il mondo della scuola”.

“Mi auguro veramente che in tempi brevi possano essere fatti tutti quegli interventi necessari per sanare le devastazioni causate dagli anni precedenti”, conclude infine l’ex Ministro.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur