Fioramonti appoggia manifestazione clima, studenti chiedono circolare per non portare giustificazione

di redazione
ipsef

item-thumbnail

“Una bellissima iniziativa; è in realtà la lezione più importante che i ragazzi possano frequentare”.

La lotta degli studenti per contrastare i cambiamenti climatici ha già la benedizione del ministro dell’Istruzione, Lorenzo Fioramonti.

E’ quanto si può comprendere da un articolo pubblicato sul Manifesto che ha riportato il commento del titolare del Miur a margine della presentazione dell’iniziativa “Notte della Ricerca“.

Ministro e studenti uniti nella lotta

Anzi, questa volta il Ministro sarà affianco agli studenti, sostenendo la loro battaglia nella manifestazione del 27 settembre, giorno di sciopero. Sulla facciata del dicastero sarà apposto un banner proprio a rimarcare l’impegno istituzionale a difesa dell’ambiente.

Il tema ambientale dovrebbe essere nell’agenda del Consiglio dei ministri di oggi, anche se non si esclude un rinvio della discussione sul decreto clima alla prossima riunione.

Non dovrebbe invece essere rinviata la conferenza stampa di domani davanti a Montecitorio che darà il via alla settimana di mobilitazione di “Fridays For Future” (Fff) che si concluderà, appunto, con lo sciopero del 27.

Mozione per consigli scolastici

Tuttavia, il Ministro ha già ricevuto una prima “nota” proprio dagli studenti, contenti per il sostegno mostrato da Fioramonti, ma che avrebbero preferito un’azione più concreta, come per esempio quella di non considerare la giornata del 27 come assenza ingiustificata, anche per incentivare una maggiore partecipazione. Loro si sono detti preoccupati del fatto che alcuni genitori possano non essere disponibili a giustificare quell’assenza.

L’Ansa ha già diramato la notizia che negli USA la giornata sarà giustificata per gli studenti che si assenteranno da scuola.

Una problematica che era già stata affrontata dal precedente Ministro Bussetti, in occasione della grande manifestazione a sostegno dell’iniziativa di Greta Thunbergh, il quale però non aveva ceduto alle richieste degli studenti.

Gli studenti richiedono inoltre che l’educazione ambientale diventi materia di studio.

La rete Friday for Future ha inserito sul sito la mozione “Dichiarazione di emergenza climatica” da far approvare anche ai consigli scolastici. Si tratta di un documento dal valore simbolico che possa sensibilizzare i comuni a fare maggiore pressione sul Governo.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione