Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

“Fine delle disuguaglianze. Fine dell’AIDS e fine delle pandemie”: un’UdA per la secondaria di I grado

WhatsApp
Telegram

La Giornata mondiale contro l’AIDS è stata celebrata per la prima volta il 1° dicembre 1988 per sensibilizzare sull’HIV. Un problema che, nonostante il trentennio trascorso, è ancora molto attuale.

L’ HIV (virus dell’immunodeficienza umana), è un virus che attacca fondamentalmente le cellule del corpo umano che aiutano il corpo a combattere le infezioni, rendendo così una persona più vulnerabile ad altre infezioni e malattie. In parole povere, è una condizione che si verifica quando il sistema immunitario smette di funzionare completamente. Il virus vive nel sangue umano, nei fluidi sessuali e nel latte materno e, se non trattato, porta all’AIDS (sindrome da immunodeficienza acquisita). Si diffonde attraverso il contatto con alcuni fluidi corporei di una persona con HIV, più comunemente durante rapporti sessuali non protetti, o attraverso la condivisione di apparecchiature per l’iniezione di farmaci.

Giornata mondiale contro l’AIDS 2021: miti contro fatti

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l’HIV rimane un grave problema di salute pubblica che colpisce milioni di persone in tutto il mondo. L’OMS afferma che, sebbene il mondo abbia compiuto progressi significativi negli ultimi decenni, non sono stati raggiunti importanti obiettivi globali per il 2020. L’OMS aggiunge che per raggiungere i nuovi obiettivi globali proposti fissati dall’UNAIDS, il mondo dovrà raddoppiare gli sforzi per evitare lo scenario peggiore di mezzo milione di decessi correlati all’HIV in eccesso nell’Africa subsahariana, aumentando Infezioni da HIV dovute alle interruzioni del servizio HIV durante il COVID-19 e al rallentamento della risposta della salute pubblica all’HIV.

Gli obiettivi dell’UNAIDS

Gli obiettivi sono stati fissati con l’obiettivo di portare il test e il trattamento dell’HIV alla stragrande maggioranza delle persone che vivono con l’HIV entro la fine del 2020 e di ridurre la quantità di HIV nei loro corpi a livelli non rilevabili per rimanere in buona salute e prevenire l’ulteriore diffusione del virus. Secondo l’UNAIDS, c’è stato un aumento del numero di persone che conoscono il loro stato e sono in cura, si riflette nel fatto che i livelli di soppressione della carica virale tra tutte le persone che vivono con l’HIV sono aumentati di 18 punti percentuali tra il 2015 e il 2019. Come secondo i dati, nel 2019, quasi il 59% delle persone che vivevano con l’HIV a livello globale aveva soppresso le cariche virali. Tuttavia, l’obiettivo era che almeno il 73% delle persone che vivono con l’HIV avesse bisogno di sopprimere le cariche virali, quindi l’obiettivo globale per l’AIDS non è stato raggiunto finora.

Conoscere l’HIV

C’è stato un aumento del numero di persone che conoscono il loro stato e sono in trattamento, si riflette nel fatto che i livelli di soppressione della carica virale tra tutte le persone che vivono con l’HIV sono aumentati di 18 punti percentuali tra il 2015 e il 2019. Secondo i dati, nel 2019, quasi il 59% delle persone che convivono con l’HIV a livello globale aveva soppresso le cariche virali. Tuttavia, l’obiettivo era che almeno il 73% delle persone che vivono con l’HIV avesse bisogno di sopprimere le cariche virali, quindi l’obiettivo globale per l’AIDS non è stato raggiunto finora.

L’OMS e a gravità del fenomeno

L’OMS afferma che in tutto il mondo, l’HIV continua a essere un grave problema di salute pubblica globale, avendo causato finora 36,3 milioni di vittime dal 1988.

Con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’HIV e commemorare le persone colpite dalla malattia, il 1° dicembre è stato contrassegnato dall’OMS come giornata internazionale dedicata all’AIDS o Giornata mondiale dell’AIDS. Ecco alcune delle cose importanti da sapere sulla giornata:

Storia della giornata mondiale contro l’AIDS

La Giornata mondiale contro l’AIDS è stata celebrata per la prima volta il 1° dicembre 1988. La giornata è stata proposta per la prima volta da James W. Bunn e Thomas Netter, due responsabili dell’informazione pubblica per il Programma globale sull’AIDS nel 1987. Nei primi due anni della campagna, World AIDS Giornata incentrata sul tema dei bambini e dei giovani per evidenziare l’impatto dell’AIDS sulle famiglie. Nel 1996, l’UNAIDS ha rilevato le operazioni della Giornata mondiale contro l’AIDS e ha ampliato la portata dell’iniziativa a una campagna di prevenzione ed educazione per tutto l’anno.

Tema della Giornata mondiale contro l’AIDS 2021

Il tema della Giornata mondiale contro l’AIDS 2021 è “Fine alle disuguaglianze. Fine dell’AIDS e fine delle pandemie”, con un’attenzione particolare al raggiungimento delle persone rimaste indietro. L’OMS afferma che l’agenda principale di quest’anno è evidenziare le crescenti disuguaglianze nell’accesso ai servizi essenziali per l’HIV in tutto il mondo. Afferma inoltre che la divisione, la disparità e il disprezzo per i diritti umani sono tra i fallimenti che hanno permesso all’HIV di diventare e rimanere una crisi sanitaria globale.

Il COVID-19 sta esacerbando le disuguaglianze e le interruzioni dei servizi

L’OMS aggiunge anche che ora il COVID-19 sta esacerbando le disuguaglianze e le interruzioni dei servizi, rendendo più difficile la vita di molte persone che convivono con l’HIV. Quest’anno, le organizzazioni dell’OMS e dell’AIDS chiedono ai leader e ai cittadini globali di mobilitarsi per affrontare queste disuguaglianze che guidano l’AIDS e per raggiungere le persone che attualmente non ricevono i servizi essenziali per l’HIV.

Perché la Giornata mondiale contro l’AIDS 2021 ha così tanta importanza?

Secondo l’UNAIDS, senza un’azione coraggiosa contro le disuguaglianze, il mondo rischia di non raggiungere gli obiettivi per porre fine all’AIDS entro il 2030, così come una prolungata pandemia di COVID-19 e una spirale di crisi sociale ed economica. Afferma inoltre che da quando sono stati segnalati i primi casi di AIDS, l’HIV continua a minacciare il mondo. E aggiunge: “Oggi il mondo è fuori strada dal mantenere l’impegno condiviso per porre fine all’AIDS entro il 2030 non a causa della mancanza di conoscenze o strumenti per sconfiggere l’AIDS, ma a causa delle disuguaglianze strutturali che ostacolano soluzioni comprovate per la prevenzione e il trattamento dell’HIV. “

L’OMS afferma che circa 37,7 milioni di persone convivono con l’HIV alla fine del 2020, di cui oltre due terzi (25,4 milioni) si trovano nella regione africana. Il dott. Poonam Khetrapal Singh, direttore regionale, sud-est asiatico aggiunge che “nel 2020, 680.000 milioni di persone sono morte per cause legate all’HIV e 1,5 milioni di persone hanno contratto l’HIV”.

L’Unità di Apprendimento

Di particolare interesse il progetto di un’unità di apprendimento riferita alla scuola secondaria di primo grado denominata “Educazione affettiva e sessuale” predisposta dai docenti M. Bocciarelli, F. Ceccato dell’Istituto Comprensivo Statale “Ermanno Olmi” di Bodio – Guicciardi – Maffucci guidato, con grande competenza, dal dirigente scolastico prof.ssa Laura Barbirato.

UDA-EDUCAZIONE-AFFETTIVA-E-SESSUALE

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito