Finanziamenti scuole nelle aree a rischio, il MIUR pubblica l’ipotesi di contratto

Di
WhatsApp
Telegram

red – Con Nota prot.n. 2323 del 9 aprile 2013 il MIUR pubblica l’ipotesi di Contratto Collettivo Integrativo Nazionale sui criteri di attribuzione delle risorse per le scuole collocate in aree a rischio, con forte processo immigratorio e contro la dispersione scolastica per l’anno scolastico 2012/2013

red – Con Nota prot.n. 2323 del 9 aprile 2013 il MIUR pubblica l’ipotesi di Contratto Collettivo Integrativo Nazionale sui criteri di attribuzione delle risorse per le scuole collocate in aree a rischio, con forte processo immigratorio e contro la dispersione scolastica per l’anno scolastico 2012/2013

Per l’anno scolastico 2012-2013, ha fornito le seguenti precisazioni:

  • sulla base delle risorse assegnate, ciascun USR procederà immediatamente ad attivare la procedura per la conclusiva fase di contrattazione integrativa regionale e, anche prima della sottoscrizione definitiva dell’accordo, che avverrà a seguito di completamento della prevista procedura di certificazione del CCNI nazionale, provvederà a redigere apposito elenco delle scuole selezionate, dando immediata comunicazione alle scuole dell’avvenuta selezione e degli importi complessivi, comprensivi dell’acconto e del saldo, attribuiti a ciascuna per i progetti approvati, affinchè le stesse, informate sulla consistenza complessiva delle risorse a disposizione, possano realizzare le azioni progettate;
  • le suddette attività progettuali delle scuole dovranno essere completate entro il termine del corrente anno scolastico;
  • ogni USR dovrà acquisire specifica documentazione circa gli esiti dei progetti attraverso specifiche azioni di monitoraggio, da affidare ad un apposito Comitato di Valutazione Regionale, da istituire se non ancora fatto, finalizzate non solo a verificare l’effettiva realizzazione dei progetti e i dettagli quantitativi delle risorse impiegate, ma anche la coerenza delle azioni proposte con i profili dell’istituto contrattuale, nonché la congruità dell’investimento professionale di ciascuna scuola per il buon esito dei progetti, in termini sia di successo scolastico e formativo degli studenti coinvolti, sia di innovazione in relazione a metodi, flessibilità organizzativa, didattica, curricolare, relazionale, all’utilizzo di strumenti e nuove tecnologie, all’effettiva incidenza sul fenomeno della dispersione e del disagio in tutte le sue forme;
  • le azioni progettate, proprio in quanto destinate a contrastare fenomeni di disagio e dispersione e favorire l’integrazione scolastica e il successo formativo di soggetti in difficoltà e/ o di recente immigrazione, devono intendersi come azioni aggiuntive all’ordinaria offerta formativa, a carico del personale docente della scuola, da realizzare in orario extracurricolare aggiuntivo, attraverso l’utilizzo di modelli formativi diversi dal tradizionale modello di apprendimento utilizzato nella scuola, che privilegino attività laboratori ali, che prendano spunto da problemi sentiti e vissuti dagli studenti, che colleghino la scuola con la realtà territoriale e le sue criticità;

gli USR dovranno trasmettere al MIUR:

  • entro il 20 aprile 2013, l’elenco delle scuole finanziate definito al termine della procedura di valutazione dei progetti presentati, con l’indicazione dell’importo complessivo assegnato a ciascuna;
  • entro il 28 giugno 2013, la scheda riassuntiva regionale;
  • entro il 28 giugno 2013, la relazione finale di monitoraggio delle azioni realizzate per l’anno scolastico 2012/2013, che espliciti tutti gli aspetti elencati e ripresi dalla scheda di sintesi regionale.

Scarica l’ipotesi di contratto

WhatsApp
Telegram

AggiornamentoGraduatorie.it: GPS I e II fascia, calcola il tuo punteggio