Finanza: questa sconosciuta. Lettera

WhatsApp
Telegram

Inviato da Emanuele Grazzini – Ecco l’ennesima boutade sulle competenze di cui gli italiani difettano. 

Prima quelle logico matematiche, poi quelle linguistiche, poi quelle relative alla conoscenza delle lingue straniere e adesso quelle finanziarie.
A quando quelle relative ad elementi di taglio e cucito?
A parte queste uscite da parte dell’OCSE non è la prima volta che il Sole 24 Ore scopre la cosiddetta acqua calda.
Ma il problema è che attualmente nel panorama dei curriculum scolastici la materia finanziaria non viene quasi più insegnata.
La ragione principale deriva dall’avere unificato la materia “tecnica” con la “ragioneria” in quella che oggi si chiama Economia Aziendale. Quest’ultima è un poco dell’una e dell’altra e quindi il nulla.
Nei vecchi istituti tecnici lo studente della classe terza studiava la matematica finanziaria e la tecnica di acquisto dei fondi pubblici e privati.
Era quindi in grado di distinguere (e di spiegare) le varie forme di investimento finanziario. Concetti come “duration” e “rendimento a scadenza” divenivano a lui famigliari.
Negli anni novanta il primo capolavoro del ministro pro tempore: l’introduzione del corso IGEA con l’accorpamento delle due discipline fondanti in una sola.
Nel 2009 il pasticcio Gelmini: l’istituto tecnico commerciale assume la denominazione di AFM, un acronimo che è tutto un programma (e fumo negli occhi). I tagli alle ore curricolari hanno poi fatto il resto.
Se si vuole che le competenze finanziarie vengano recuperate occorrerebbe separare quella che è pur sempre la ragioneria dalla materia che riguarda gli strumenti finanziari.
Per esperienza posso assicurare che l’ insegnante di economia aziendale non ha il tempo di affrontare contenuti che sono diversissimi.
E pure le strategie didattiche sono differenti.
Forse dietro questa “soppressione” della tecnica c’è un vero e proprio disegno.
È bene che i risparmiatori restino ignoranti?
Saluti.
Emanuele Grazzini

A scuola serve l’ora di Educazione finanziaria

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur