Film su Manzoni: no a distribuzione nelle scuole, superficialità e dimenticanze

di redazione
ipsef

item-thumbnail

“Riteniamo che a dispetto degli ampi consensi di cui gode, il docu-film ‘Alessandro Manzoni, milanese d’Europa’ del Cnsm non sia adeguato sotto il profilo didattico e quindi sarebbe opportuno non sia distribuito nelle scuole medie di Milano”.

 

Inizia così la lettera che, secondo quanto riferito dall’ANSA, il Centro Studi Abate Stoppani di  Lecco ha inviato al ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli, chiedendole di valutare “l’adeguatezza didattica” del film prodotto nel 2016 dal Centro Nazionale Studi Manzoniani (Cnsm), con il contributo anche del MiBACT.

Secondo il centro studi lecchese nel film sarebbero presenti “aspetti di superficialità, dimenticanze, deformazione di dati storici, minimizzazioni di elementi fondanti della vita di Manzoni (per esempio, il suo rapporto con Lecco)”.

“Gli eredi dell’Abate Stoppani non hanno capito le finezze di questo documento”, la replica di Angelo Stella, direttore del Centro Nazionale Studi Manzoniani.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione