Fiducia al Governo che verrà: investa su tempo pieno, ripristino ore tagliate, basta progetti e progettini. Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

“Il gruppo fb #tictacmondoscuola vuole dare fiducia al governo che ci sarà.

Da anni ormai la scuola è stata messa in ginocchio da leggi assurde che hanno distrutto la formazione delle nuove generazioni e la dignità di tutto il personale scolastico.

A nulla è valso lo sciopero del maggio del 2015, con l’adesione del 95% di tutto il personale, contro la Buona Scuola. I vecchi governi volevano dei ragazzi ignoranti da poter gestire con facilità. La cultura, le conoscenze e le competenze dovrebbero essere alla base di tutto. Ci si augura che adesso ci sia una svolta…

Non si può pretendere l’impossibile dal personale della scuola, non si può chiedere di perdersi tra 2000 scartoffie (quanto lavoro sommerso che si portano a casa e che nessuno riconosce o conosce).

Non si può chiedere al personale di vivere sotto stress.. sempre con un “fucile” puntato addosso.

Non si può pretendere di vivere una vita da precari e soprattutto lontano dalla propria terra e famiglia.

Cosa mai potrebbero trasmettere?

La scuola deve essere quel luogo dove gli alunni devono apprendere il più possibile e con quell’armonia che può trasmettere solo un docente preparato ma soprattutto sereno e appagato; un docente orgoglioso della propria funzione, pieno di dignità e di voglia di dare…..

Non lo è sicuramente il docente di oggi, spesso e volentieri denigrato, abbandonato a se’ e in molti casi obbligato ad emigrare dal Sud al Nord, per i fortissimi tagli fatti dai governi precedenti.

Per non parlare della 107 che ha esiliato migliaia di docenti al Nord strappandoli dalle loro famiglie.

Si provi ad investire sulla scuola, quella risorsa da cui si creano i futuri cervelli.

Si provi a ridare, soprattutto al sud, la possibilità di rifiorire, con strutture adeguate e con più ore di didattica.

Basta con i progetti e progettini!

Si investa nel tempo pieno, tempo prolungato, si ripristinino tutte quelle ore di lezione tagliate in passato; si dia più dignità agli alunni diversamente abili che lottano per farsi riconoscere le ore necessarie di sostegno, mentre sembra che per il Miur siano dei fantasmi (deroghe e non organico di diritto).

Forse necessitano più fondi… ma parliamo del futuro dell’Italia.

Il mondo della scuola segue ormai con molta attenzione gli eventi politici e riesce a dare la giusta risposta dentro una cabina elettorale.

Si dice che il declino del PD sia stato causato proprio dalla scuola. Chissà perchè..?”

Versione stampabile
anief anief
soloformazione