FF DSGA al Ministro: valorizzi nostra professionalità. Lettera

ipsef

item-thumbnail

Inviato da Dsgaff Amelia Sparavigna – Egregio Ministro, Nel porgere I migliori auguri per il nuovo incarico e per un proficuo lavoro in un settore così vasto e ahimè complesso, vorrei renderla partecipe di una situazione ingiusta che si perpetua da anni, tanti anni. Un’ignobile ingiustizia i cui protagonisti sono gli assistenti amministrativi facenti funzione della scuola.

Dalla data di istituzione della figura del DSGA ad oggi, l’indifferenza politica non ha mai prodotto un concorso pubblico per ricoprire tale profilo.

Nel frattempo, l’amministrazione ha fronteggiato la crescente situazione di emergenza utilizzando la palese, seppur precaria, forza di volontà degli Assistenti Amministrativi che hanno accettato l’onere di ricoprire la funzione superiore quasi esclusivamente per il senso del dovere e per il bene della scuola, considerando che alcuni DSGA facenti funzioni percepiscono un trattamento stipendiale inferiore a quello maturato nel ruolo di provenienza, nonostante le maggiori responsabilità assunte.

Dopo tanti anni di silenzio e di colpevole inattività, la politica e l’amministrazione scolastica hanno pensato bene di risolvere l’emergenza pubblicando il primo Bando di Concorso pubblico per la figura di DSGA, senza prevedere percorsi alternativi per la valorizzazione delle competenze professionali acquisite dagli Assistenti Amministrativi che per anni hanno esercitato funzioni superiori. Praticamente una sorte di usa e getta.

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, ha evidenziato un’inquietante indifferenza nei confronti degli Assistenti Amministrativi facenti funzione che non si aspettavano una discriminazione così palese. Non è stato previsto, oltre al concorso pubblico, nessun percorso alternativo, volto a valorizzare le professionalità ormai acquisite negli anni dal personale interno che è stato sottoposto ai controlli dei revisori dei conti e ha maturato esperienza e professionalità partecipando, tra l’altro, a numerosi percorsi di formazione realizzati e finanziati dal MIUR con ingenti investimenti (es. IoConto, PNSD, SidiLearn, ecc.); tante risorse investite per la qualificazione di personale lasciato nel dimenticatoio?

Nessun rispetto per chi con grande sacrificio ha condotto le segreterie scolastiche in modo esemplare e con grande dedizione e serietà.

Sono sicura che lei conosce questa nostra situazione e confido in lei affinché possa intervenire ponendo fine a questa grande ingiustizia sociale. Buon lavoro Ministro

Versione stampabile
anief banner
soloformazione